mercoledì, 25 Novembre 2020
Home Sezioni Arte & Cultura Terzo Giardino, un labirinto nel...

Terzo Giardino, un labirinto nel verde dove non te l’aspetti

L'area verde della Spiaggetta sull'Arno rinasce anche quest'estate per dare nuovo respiro alla città e una prospettiva originale da cui ammirarla

-

È nato un po' per caso e un po' per fortuna, è frequentato un po' da tutti, ma non tutto l'anno, e ogni estate rinasce in una forma diversa. L'area verde della “spiaggetta sull'Arno”, come viene comunemente chiamata l'area sottostante il lungarno Serristori proprio di fronte alla Biblioteca Nazionale, si trasforma per l'Estate Fiorentino 2018 in “Terzo Giardino”, grazie ad un intervento di arte pubblica realizzato dallo Studio ++ promosso dal Comune di Firenze, Le Murate PAC – Progetti di Arte Contemporanea, MUS.E, Regione Toscana e Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno.

Dopo aver assunto le sembianze di un curioso zoo grazie alle sculture in legno recuperato dell'artista urbano Il Sedicente Moradi, la spiaggetta si trasforma quest'anno in un raffinato labirinto nel verde. Questo progetto di riqualifica e di arte urbana si fonda nell'idea del mantenimento della biodiversità della vegetazione spontanea nata sulle rive dell'Arno per renderla fruibile ai cittadini. La città ottiene quindi un nuovo giardino, o meglio un Terzo Giardino, chiamato così per ispirazione al lavoro Gilles Clément, famoso paesaggista francese, che vedeva nella natura nata “dai residui dell'organizzazione razionale dell'uomo” un grande potenziale evolutivo.

Il Terzo Giardino assume quindi le forme geometriche e regolari del “giardino all'Italiana” e ricalca il modello del Giardino dei Semplici, dove ha sede l'Orto Botanico della sezione del Museo di Storia Naturale dell'Università di Firenze. La vegetazione non è tuttavia tanto variegata e ricercata: la scelta di mantenere la vegetazione spontanea nasce da un lato per assicurare il naturale mantenimento degli argini e dall'altro per l'interessante contrasto che offre a confronto con le prospettive della città come spiegano gli artisti del collettivo Studio ++, Fabio Ciavolella, Umberto Daina e Vincenzo Fiore.

Il progetto intende infine portare i cittadini a porre un'attenzione sempre maggiore ad una risorsa importante come l'Arno, ad innovare il discorso artistico ecologico degli anni '60 e '70 e infine contribuisce a dare un nuovo respiro alla città e ai suoi cittadini proponendo nuove prospettive tutte da esplorare.


 

Ultime notizie

Bonus spesa, Comune di Firenze: buoni Covid da 500 euro per novembre

In arrivo le risorse del decreto ristori ter per aiutare le famiglie in difficoltà: "presto il bando con i requisiti dei buoni spesa", dice il sindaco di Firenze

Babbo Natale passa anche col Covid? I consigli della psicologa del Meyer

Tanti bambini chiedono se Babbo Natale passerà anche quest'anno, nonostante il coronavirus. Il Reporter ha chiesto consiglio a una psicologa infantile del Meyer su come vivere queste strane feste insieme ai più piccoli

Quanti contagiati oggi in Italia: record di morti e casi in aumento

I dati del 24 novembre sui nuovi casi di coronavirus: quanti contagiati da Covid-19 ci sono oggi in Italia?

Covid Toscana 24 novembre: contagi sotto quota 1.000. I dati del bollettino

Giù nuovi contagi, ricoverati e persone attualmente positive. Resta alto il numero dei morti. I principali del del bollettino Covid della Regione Toscana, aggiornato al 24 novembre 2020