giovedì, 25 Febbraio 2021
Home Sezioni Arte & Cultura Una mostra fotografica per dire...

Una mostra fotografica per dire “Basta!” alla violenza sulle donne

Una mostra fotografica per dire “Basta!” alla violenza sulle donne sarà inaugurata il 25 novembre prossimo, presso la Biblioteca delle Oblate, proprio in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Le foto ritraggono personaggi famosi del mondo dello spettacolo e non solo che hanno voluto contribuire a dire “Basta!” a qualsiasi forma di maltrattamento.

-

Una mostra fotografica per dire “Basta!” alla violenza sulle donne sarà inaugurata il 25 novembre prossimo, presso la Biblioteca delle Oblate, proprio in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Le foto ritraggono personaggi famosi del mondo dello spettacolo e non solo che hanno voluto contribuire a dire “Basta!” a qualsiasi forma di maltrattamento.

“BASTA!”. La mostra fotografica di Livio Moiana, patrocinata dal Comune, ritrae volti noti del piccolo schermo, dello sport e via dicendo, come Vittorio Sgarbi, Patch Adams e Massimiliano Rosolino, mentre urlano il loro “Basta!” simbolico contro ogni forma di violenza.

SCOPO. L’obiettivo finale dell’esposizione fotografica “Basta!”, così si chiama la mostra, è quello di porre l’attenzione sul problema del sostegno alle vittime di violenza non solo quando il maltrattamento è appena avvenuto e quindi l’attenzione su di esso è massima, ma anche dopo che è passato del tempo, quando, cioè, le persone che hanno subito qualsiasi forma di violenza e le loro famiglie si ritrovano a dover affrontare una nuova fase della vita, spesso senza sapere da quale parte iniziare.

DOVE E QUANDO. L’iniziativa, che verrà inaugurata il 25 novembre alle ore 12.00 presso la Biblioteca delle Oblate, si inserisce all’interno della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne che viene celebrata lo stesso giorno con una serie di eventi che includono anche progetti e spettacoli.

ASSESSORE CIANFANELLI. L’assessore alle Pari Opportunità, Elisabetta Cianfanelli, ha sottolineato che l’impegno delle istituzioni deve mirare a progettare una società non violenta, una società in cui la comunicazione e la comprensione reciproca siano gli unici strumenti in gradi di superare le divergenze fra le persone. L’assessore Cianfanelli ha poi ribadito che il grido immortalato dal fotografo Moiana è un “no” contro tutte le forme di violenza “che diventa ancora più forte grazie alla presenza di tanti personaggi noti del mondo dello spettacolo, dello sport e via dicendo che hanno accettato di prestare il loro volto a questa iniziativa”, ha concluso Elisabetta Cianfanelli.

EVENTI. In occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne sono state organizzate molte iniziative come la conferenza “Che genere di violenza è?” messa a punto dalla sezione anticrimine della Questura di Firenze in collaborazione con il Comune e l’Ufficio scolastico regionale, ma anche incontri con le associazioni che si occupano di difesa delle donne. E poi ancora spettacoli, seminari e laboratori alle Oblate fino a tarda notte.

INFO. Per maggiori informazioni o prenotazioni, telefonare al numero 055/2625405 o 055/2625959, oppure inviare una e-mail all’indirizzo: [email protected]

Ultime notizie

Zone rosse in Toscana: in arrivo micro-lockdown contro le varianti del Covid

Da Pistoia a Siena passando da alcuni comuni dell'empolese (Firenze:) si pensa a micro zone rosse in Toscana per fermare l'avanzata delle varianti del Covid

Quando esce il nuovo Dpcm Draghi e quando entra in vigore il decreto

Stop alle riaperture e regole anche per Pasqua: quando esce il nuovo Dpcm del governo Draghi, quando entra in vigore e quando scade

Zona arancione e rossa: visita a congiunti, fidanzati e amici fuori comune

Il nuovo decreto Covid del governo Draghi aggiorna le regole sugli spostamenti. Si può andare a casa di congiunti, parenti o amici che abitano in comuni diversi, se ci si trova in zona arancione o rossa?

I comuni della Toscana in zona rossa e quelli a rischio

Alta l'allerta per le varianti del Covid-19. La lista dei comuni a rischio zona rossa si allunga e la Regione potrebbe decidere nelle prossime ore insieme ai sindaci nuovi territori rossi