martedì, 26 Gennaio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica A spasso nei parchi col...

A spasso nei parchi col wireless

-

Mappe e cartine sono destinate a rimanere in fondo agli zaini, mentre alla bussola potremmo dire definitivamente addio. Tra breve infatti, grazie alla tecnologia wireless, wi-max e gps, i visitatori e gli escursionisti del Parco regionale delle Apuane potranno vedere in tempo reale sul loro cellulare, sul palmare o sul navigatore satellitare sia la loro posizione rispetto all’itinerario impostato, che ottenere le informazioni turistiche, quelle culturali e quelle naturalistiche.

E’ quanto prevede il protocollo d’intesa firmato questa mattina a Firenze dall’assessore regionale ai parchi e alle aree protette, Marco Betti, dal presidente del Parco regionale delle Apuane, Giuseppe Nardini e dal dirigente del Centro turistico studentesco, Luigi Vedovato.

«Il progetto – precisa l’assessore Betti – com! prende anche l’apertura di un portale  per la promozione turistica del comprensorio, un sito che permetterà di effettuare visite virtuali, cioè di vedere prima sul computer ciò che si andrà poi a scoprire sul campo. Anche la sicurezza di visitatori e turisti sarà accresciuta, visto che  in caso di difficoltà potranno inviare una richiesta di aiuto tramite il loro cellulare. Partiamo con il Parco delle Apuane ma la nostra ambizione è di estendere, una volta testato il sistema, questa opportunità alle altre aree protette della Toscana. E’ anche una risposta moderna e avanzata a chi intende la gestione dei parchi come mera conservazione dell’esistente. Con questo accordo vogliamo stabilire un’alleanza tra natura  e tecnologia a servizio dei cittadini».

Al progetto partecipano anche l’Associazione Gfoss (Geospatial free and oper source software), l’Arpat, la Federazione speleologica toscana ad altre associazioni culturali.  All’interno del portale troverà posto una banca dati per la promozione delle attività turistiche, la cartografia e una parte relativa ai Poi (Point of interest), i punti di interesse, dinamica e aggiornata in tempo reale.

Il protocollo prevede che il Parco regionale delle Apuane metta a disposizione del progetto le proprie strutture, la Regione fornisca la cartografia e le reti di monitoraggio presenti nel parco, mentre il Cts metterà a disposizione la propria esperienza per migliorare i flussi turistici.

Il sistema ha costi di installazione bassi, visto che per ogni punto wi-fi servono circa 350 euro, e di gestione praticamente nulli.

Dopo la fase di progettazione, di inserimento dati e di messa a punto delle dotazioni tecnologiche si prevede di poter partire con una prima sperimentazione entro l’autunno del prossimo anno.

Ultime notizie

Quanti contagiati oggi in Italia: i dati delle ultime 24 ore per regione

I dati del 25 gennaio dal bollettino sul coronavirus: quanti contagiati da Covid-19 ci sono oggi in Italia e quanti morti?

Quante persone possono entrare in un negozio: come calcolare il numero massimo

Come calcolare il numero massimo di persone ammesse in un negozio: le regole anti-Covid del nuovo Dpcm, dal cartello a quanti clienti possono entrare per metro quadrato

Quando il cambio di colore delle regioni: ogni quanto vengono decisi i colori Covid

Permanenza più lunga in zona arancione e rossa: quando viene deciso il cambio di colore delle regioni italiane e quando cambiano effettivamente i colori, con l'entrata in vigore dell'ordinanza

Zona rosso scuro: cosa significa per chi vuole viaggiare in Europa e Italia

Nella "mappa" dell'Europa arriva una nuova zona, rosso scuro, con limitazioni per chi vuole viaggiare: cosa significa e cosa cambia nelle regioni italiane che finiranno in questa fascia di rischio