mercoledì, 28 Febbraio 2024
- Pubblicità -
HomeSezioniCronaca & PoliticaTramvia per Sesto Fiorentino: verso...

Tramvia per Sesto Fiorentino: verso l’inizio dei lavori nel 2025

La Regione Toscana ha individuato i 113 milioni di euro che mancavano per realizzare l'estensione della linea 2 verso il polo scientifico e il centro di Sesto. Giani "Ne parlerò con Meloni"

- Pubblicità -

-

- Pubblicità -

Passi in avanti per l’estensione della linea 2 della tramvia verso Castello e Sesto Fiorentino: “siamo ormai a un livello di progettazione ben sviluppata che consentirà l’inizio dei lavori da qui all’estate 2025“, ha annunciato il presidente della Regione Eugenio Giani. I soldi per l’opera ci sono. La realizzazione della nuova tratta fa parte degli interventi finanziati dal Fondo di sviluppo e coesione (FSC). Il piano, che comprende molti altri investimenti strategici in tutta la Toscana per i prossimi 5 anni, porterà in dote 113 milioni di euro solo per il ramo sestese del tram.

I soldi per l’inizio dei lavori della tramvia verso Sesto Fiorentino

In tutto serviranno 223 milioni di euro per realizzare il collegamento tra il capolinea dell’aeroporto di Firenze e il centro di Sesto Fiorentino: 110 milioni sono già stati destinati ai lavori per l’estensione della linea 2 della tramvia e altri 113 arriveranno dal Fondo di sviluppo e coesione. La giunta regionale ha approvato la delibera che prevede un imponete programma di opere in tutta la Toscana, in totale 683 milioni di euro da Firenze a Lucca fino alla strada del Cipressino che collega l’Amiata alla Due Mari.

- Pubblicità -

Il protocollo tra Regione e governo per queste risorse sarà firmato nella prima metà di febbraio insieme al presidente del Consiglio Giorgia Meloni, che arriverà a Firenze per una visita istituzionale, ha annunciato Giani. Quando di preciso? Non è dato ancora saperlo, anche se il governatore vorrebbe unirci un giro per la Toscana e una tappa pure al Carnevale di Viareggio. “Con lei entrerei nel merito di tutte le previsioni dell’accordo di programma – ha commentato con i giornalisti Giani, proprio a margine della presentazione della manifestazione viareggina – per esempio le spiegherò quanto sono importati questi 113 milioni per la tramvia che da Peretola porta a Sesto“.

Il collegamento per Castello, polo scientifico e Sesto

Al momento si conosce un progetto di massima del percorso che prolungherà la linea 2 della tramvia verso Sesto Fiorentino, circa 6 chilometri con 10 fermate. Dall’aeroporto il tracciato si muoverà parallelamente al cosiddetto “viale del Metano” (viale XI Agosto) dall’altro lato del complesso della Scuola Marescialli e Brigadieri con fermate al servizio del futuro Parco della Piana e dell’ente di formazione dei sottufficiali. Poi proseguirà fino alla stazione ferroviaria di Castello e al centro commerciale Coop. Un ramo servirà il polo scientifico e il nuovo liceo scientifico Agnoletti. Il tracciato infine si dirigerà verso il centro con capolinea vicino a piazza del Mercato.

- Pubblicità -

“Un’opera importante nell’ottica della crescita e dello sviluppo – ha spiegato Giani – non solo per il collegamento della Piana Fiorentina fra Firenze e Sesto, ma perché l’intervento connette la stazione ferroviaria di Castello a Peretola e a San Donato di Novoli, il centro direzionale, che vede la presenza del Palazzo di Giustizia, delle tre facoltà universitarie, del palazzo, in via realizzazione, della Findomestic, quello della Cassa di Risparmio e, in prospettiva, la terza torre di Novoli che costituirà il centro della vita amministrativa della nuova sede della Regione Toscana”. Poi ha aggiunto: “Con il completamento della tramvia, ci sarà un interscambio fra il treno, che arriva da Lucca, Montecatini, Pistoia, Prato e un diretto ingresso nella Nuova Firenze, nell’area Nord Ovest, evitando così la stazione Santa Maria Novella“.

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Ultime notizie

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -