lunedì, 20 Maggio 2024
- Pubblicità -
HomeSezioniCronaca & PoliticaIn Toscana proroga dell'accensione del...

In Toscana proroga dell’accensione del riscaldamento ad aprile: ecco dove

Molti sindaci hanno firmato ordinanze che prorogano il funzionamento dei termosifoni fino al termine del mese, a seguito del crollo delle temperature

-

- Pubblicità -

Per il freddo fuori stagione arrivato nella seconda parte di aprile 2024, anche in Toscana molti Comuni, tramite un’ordinanza ad hoc, hanno deciso la proroga dell’accensione del riscaldamento, permettendo ai cittadini di riattivare i termosifoni: succede a Firenze, Prato, Siena, Livorno, Arezzo e in molte altre città. Colpa di una massa di aria di provenienza artica che ha fatto crollare la colonnina di mercurio, dopo settimane di temperature sopra la media. Sull’Appennino è addirittura tornata la neve.

Dove scatta la proroga dell’accensione del riscaldamento in Toscana: da Firenze a Prato, da Livorno a Siena

Secondo la normativa nazionale, i singoli sindaci, in caso di condizioni climatiche eccezionali, possono decidere di allungare il periodi di attività degli impianti, in deroga al calendario nazionale. Nella nostra regione i termosifoni si sono spenti ufficialmente tra fine marzo e lo scorso 15 aprile, a seconda della zona climatica di appartenenza. A Firenze oggi, 23 aprile, è arrivata l’ordinanza di proroga dell’accensione del riscaldamento fino al 27 aprile, stessa data anche a Prato, mentre a Siena e Livorno il via libera ai termosifoni durerà fino al prossimo 30 aprile. Ad Arezzo al momento l’ordinanza comunale arriva fino al 24 aprile.

- Pubblicità -

Tanti altri comuni hanno deciso di prolungare il periodo in cui è consentito tenere accesi i termosifoni. Si va dal Mugello (Vicchio fino al 1° maggio e Barberino di Mugello fino al 30 aprile) a Montevarchi (fino al 28 aprile), da Serravalle Pistoiese a Vernio (in entrambi i territori fino al 30 aprile). Per conoscere le misure decise nella propria zona è possibile consultare i siti ufficiali dei singoli Comuni.

Qual è l’orario di accensione dei termosifoni e la temperatura consentita?

Anche la proroga dell’accensione del riscaldamento (in Toscana come nel resto d’Italia) sottostà alle regole nazionali dettate dal decreto del presidente della Repubblica n°74 del 2013. Secondo la normativa i termosifoni possono essere accesi per una durata che non superi la metà di quella consentita a pieno regime (a Firenze la proroga è quindi fino a un massimo di 6 ore giornaliere), tempo che si può distribuire in diverse finestre orarie durante la giornata. In ogni caso gli impianti non possono essere attivi prima delle 5 del mattino e dopo le ore 23. Inoltre vengono fissati i limiti di temperatura: negli ambienti riscaldati dai termosifoni, siano essi condominiali o singoli, non si devono superare i 20 gradi (18° per gli edifici adibiti ad attività industriali, artigianali ed assimilabili), con due gradi di tolleranza.

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Ultime notizie

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -