giovedì, 13 Maggio 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaAnche Cruccolini imbraccia pentole e...

Anche Cruccolini imbraccia pentole e coperchi contro Berlusconi

Pentole e coperchi per mandare a casa il premier Silvio Berlusconi, domani si replica in piazza il corteo “cacerolazos”, nato spontaneamente da un gruppo di genitori dei bambini della scuola Vittorio Veneto. Dopo l'adesione della De Zordo anche Eros Cruccolini di Sel si unisce alla manifestazione.

-

Pentole e coperchi per mandare a casa il premier Silvio Berlusconi, domani si replica in piazza il corteo “cacerolazos”, nato spontaneamente da un gruppo di genitori dei bambini della scuola Vittorio Veneto. Dopo l’adesione della De Zordo anche Eros Cruccolini di Sel e l’Italia dei Valori si uniscono alla manifestazione.

LA MANIFESTAZIONE. L’appuntamento è alle 11 in piazza Sant’Ambrogio. Da qui il corteo si dipanerà nel centro storico cittadino. Anche Sinistra Ecologia Libertà sarà presente. Lo fanno sapere il capogruppo Eros Cruccolini e il cosigliere del Q1 Riccardo Sansone. “SeL Firenze – dichiarano Cruccolini e Sansone- che fa della partecipazione dal basso il cuore del rinnovamento della politica, invita tutti i propri iscritti, sostenitori e simpatizzanti ad unirsi al corteo di sabato, con pentole e mestoli, per protestare contro il governo di Silvio Berlusconi e chiederne le dimissioni. Intendiamo rispettare la spontaneità della manifestazione, per cui invitiamo tutti quanti ad unirsi alla manifestazione senza simboli di partito, ma solo muniti di pentole e mestoli”. Alla manifestazione parteciperanno per IdV Firenze i coordinatori cittadini Cinzia Niccolai e Nicola Rotondaro, e Tessa Lulli, vice coordinatrice provinciale e membro commissione pari opportunità della Provincia: “Sabato 5, con pentole, padelle e mestoli – dicono Niccolai e Rotondaro – si chiedono rumorosamente le dimissioni di Berlusconi. Per dare al paese un nuovo governo che pensi ai cittadini e non a se stesso“ .

NUMERI. Lo scorso sabato il gruppo autogestito, aiutato dal tam tam online, ha portato in piazza un centinaio di persone, ma stavolta si augura di arrivare a qualche migliaia. Tutte le informazioni sul sito web www.litalianoneunbordello.it, il cui nome replica lo slogan della manifestazione.

Ultime notizie