sabato, 4 Febbraio 2023
- Pubblicità -
HomeSezioniCronaca & PoliticaSalta il Bonus caregiver, niente...

Salta il Bonus caregiver, niente 600 euro per chi assiste un disabile

Cancellato l'emendamento al Decreto rilancio che proponeva un bonus da 600 euro per i mesi di aprile e maggio 2020

-

- Pubblicità -

Non si farà il bonus da 600 euro per i caregiver, cioè per chi assiste un familiare disabile o gravemente ammalato: l’emendamento al Decreto rilancio che lo avrebbe introdotto per i mesi di aprile e maggio 2020 è stato infatti cancellato dai relatori della commissione bilancio della Camera che hanno preso in esame il pacchetto di modifiche proposte.

Cancellato il Bonus caregiver 2020 da 600 euro

L’emendamento è uno dei 18 (su 40) che sono usciti dal pacchetto dopo la “sforbiciata” dei relatori in commissione Bilancio della Camera.

- Pubblicità -

Si trattava di una modifica proposta al Decreto rilancio. Se approvato, il bonus di 600 euro per i caregiver sarebbe stato erogato per i mesi di aprile e maggio 2020, quelli coperti dal decreto. Anche il bonus caregiver sarebbe stato gestito attraverso l’Inps.

Il bonus baby sitter 2020 spetta anche ai nonni, ecco come funziona

- Pubblicità -

Un bonus che, nelle intenzioni, nasceva per “dare sollievo alle famiglie maggiormente esposte a rischio di impoverimento a causa della presenza di componenti con disabilità”, come scritto nella relazione. Lo stesso testo precisava che sarebbe stato anche compatibile con il reddito di emergenza e il reddito di cittadinanza.

Permessi aggiuntivi legge 104 per Covid: cosa succede a luglio e agosto

Bonus caregiver, la commissione Bilancio lo cancella

- Pubblicità -

I motivi? Niente di ufficiale, ma con tutta probabilità hanno a che fare con i costi. L’operazione, secondo le prime stime, avrebbe avuto un costo di 75 milioni di euro. L’ultima parola non è ancora detta, ma le possibilità che il Bonus caregiver rientri nel pacchetto di emendamenti al Decreto rilancio prima della discussione parlamentare sono minime. Il Decreto rilancio è atteso in aula, a partire proprio dalla Camera, tra il 2 e il 3 luglio.

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Ultime notizie

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -