giovedì, 6 Agosto 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Carta d’identità elettronica: app "CIE...

Carta d’identità elettronica: app “CIE ID” per accedere ai siti della PA

Un'applicazione, uno smartphone e la nuova carta di identità: cambia il modo per autenticarsi sui siti della pubblica amministrazione

-

Dal sito dell’Inps, per richiedere i “bonus coronavirus”, fino a quelli dei Comuni per fare domanda dei buoni spesa: da oggi i cittadini che hanno la carta di identità elettronica 3.0 potranno accedere ai servizi digitali della pubblica amministrazione con la nuova app per smartphone CIE ID e senza bisogno di un lettore contatless. La carta di identità digitale, quella in formato tessera e dotata di un microchip, diventa così un passe-partout  per autenticarsi su tutti i portali istituzionali, affiancandosi alle credenziali Spid.

La novità è stata annunciata dal Poligrafico e Zecca dello Stato, insieme al Ministero dell’Interno, ed è stata pensata per rendere più agevoli le procedure online dei milioni di cittadini a casa per l’emergenza coronavirus. Questo metodo può risultare utile ad esempio per accedere al sito dell’Inps senza richiedere il pin semplificato e presentare domande per gli aiuti economici previsti, come il bonus di 600 euro per i lavoratori autonomi e i voucher baby sitter, ma anche su tutti gli altri portali pubblici come Regioni (fascicolo sanitario elettronico, tasse, bollo auto) o Comuni (certificati online e servizi digitali, sempre se attivati nella propria città).

Come funziona l’app CIE ID per la carta d’identità elettronica 3.0

Nel dettaglio non c’è più bisogno di un lettore da collegare al computer perché il sistema legga la carta di identità elettronica 3.0: questo metodo di autenticazione viene sostituito dalla nuova app CIE ID da scaricare sul proprio smartphone. Avviata l’applicazione sul cellulare, al primo accesso la carta di identità elettronica andrà registrata inserendo il pin di 8 cifre e poi avvicinando la card al dispositivo mobile.

Dopo questa procedura, sui siti della pubblica amministrazione basterà selezionare “Entra con CIE” : si aprirà automaticamente la app e per autenticarsi sarà necessario inserire la seconda parte del Pin e accostare la carta allo smartphone.

La procedura di recupero del pin della carta di identità elettronica

Il codice pin di 8 cifre viene dato all’utente in due momenti diversi: i primi quattro numeri sono forniti dal Comune al momento della richiesta, mentre la parte restante alla consegna. E in caso di smarrimento? Al momento non esiste una procedura online per il recupero del pin della carta di identità elettronica: le due parti del codice vanno richieste al Comune di residenza. Per le amministrazioni locali il Ministero dell’Interno mette a disposizione un numero verde e una mail per dare assistenza sulla procedura per recuperare il codice.

App CIE ID, dove scaricarla: Android e iOs

L’app CIE ID al momento è disponibile solo per gli smartphone Android (dalla versione 6.0 in poi), presto – fa sapere il Poligrafico e Zecca dello Stato – sarà rilasciata anche l’applicazione per iOs, il sistema opertivo degli iPhone Apple.

Informazioni e aggiornamenti sul sito del Ministero dell’Interno, nella sezione dedicata alla carta d’identità elettronica.

Ultime notizie

Bonus computer 2020: ok dell’Ue al voucher da 500 euro per l’acquisto di un pc

Un buono da 500 euro riservato ai redditi bassi per l'acquisto di pc, tablet o connessione a internet: come funziona il bonus computer

Coronavirus in Toscana, 11 nuovi casi. Due positivi dai test negli aeroporti

Dieci nuovi casi e di nuovo un paziente in terapia intensiva: dati e notizie di oggi, 5 agosto, sul coronavirus in Toscana

Cinema a Villa Bardini: i film in programma ad agosto

Per la prima volta il grande schermo arriva in uno dei parchi storici più belli della città. Film anche ad agosto e un giorno a settimana la proiezione è gratis per le famiglie

Estate 2020 a Firenze: tra i musei aperti anche il Bargello

Il Museo del Bargello torna ad aprire al pubblico tra grandi capolavori, regole anti Covid e un'impalcatura nel cortile