sabato, 24 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Carta d’identità elettronica: app "CIE...

Carta d’identità elettronica: app “CIE ID” per accedere ai siti della PA

Un'applicazione, uno smartphone e la nuova carta di identità: cambia il modo per autenticarsi sui siti della pubblica amministrazione

-

Dal sito dell’Inps, per richiedere i “bonus coronavirus”, fino a quelli dei Comuni per fare domanda dei buoni spesa: da oggi i cittadini che hanno la carta di identità elettronica 3.0 potranno accedere ai servizi digitali della pubblica amministrazione con la nuova app per smartphone CIE ID e senza bisogno di un lettore contatless. La carta di identità digitale, quella in formato tessera e dotata di un microchip, diventa così un passe-partout  per autenticarsi su tutti i portali istituzionali, affiancandosi alle credenziali Spid.

La novità è stata annunciata dal Poligrafico e Zecca dello Stato, insieme al Ministero dell’Interno, ed è stata pensata per rendere più agevoli le procedure online dei milioni di cittadini a casa per l’emergenza coronavirus. Questo metodo può risultare utile ad esempio per accedere al sito dell’Inps senza richiedere il pin semplificato e presentare domande per gli aiuti economici previsti, come il bonus di 600 euro per i lavoratori autonomi e i voucher baby sitter, ma anche su tutti gli altri portali pubblici come Regioni (fascicolo sanitario elettronico, tasse, bollo auto) o Comuni (certificati online e servizi digitali, sempre se attivati nella propria città).

Come funziona l’app CIE ID per la carta d’identità elettronica 3.0

Nel dettaglio non c’è più bisogno di un lettore da collegare al computer perché il sistema legga la carta di identità elettronica 3.0: questo metodo di autenticazione viene sostituito dalla nuova app CIE ID da scaricare sul proprio smartphone. Avviata l’applicazione sul cellulare, al primo accesso la carta di identità elettronica andrà registrata inserendo il pin di 8 cifre e poi avvicinando la card al dispositivo mobile.

Dopo questa procedura, sui siti della pubblica amministrazione basterà selezionare “Entra con CIE” : si aprirà automaticamente la app e per autenticarsi sarà necessario inserire la seconda parte del Pin e accostare la carta allo smartphone.

La procedura di recupero del pin della carta di identità elettronica

Il codice pin di 8 cifre viene dato all’utente in due momenti diversi: i primi quattro numeri sono forniti dal Comune al momento della richiesta, mentre la parte restante alla consegna. E in caso di smarrimento? Al momento non esiste una procedura online per il recupero del pin della carta di identità elettronica: le due parti del codice vanno richieste al Comune di residenza. Per le amministrazioni locali il Ministero dell’Interno mette a disposizione un numero verde e una mail per dare assistenza sulla procedura per recuperare il codice.

App CIE ID, dove scaricarla: Android e iOs

L’app CIE ID al momento è disponibile solo per gli smartphone Android (dalla versione 6.0 in poi), presto – fa sapere il Poligrafico e Zecca dello Stato – sarà rilasciata anche l’applicazione per iOs, il sistema opertivo degli iPhone Apple.

Informazioni e aggiornamenti sul sito del Ministero dell’Interno, nella sezione dedicata alla carta d’identità elettronica.

Ultime notizie

Fiorentina a caccia della vittoria. Al Franchi arriva l’Udinese

L'anteprima di Fiorentina - Udinese in programma al Franchi domenica 25 ottobre alle 18: le probabili formazioni

L’Insolita Trattoria Tre Soldi di Firenze: quando il piatto trae in inganno

In via d'Annunzio nasce una trattoria 'insolita' di nome e di fatto: qui i piatti non hanno niente di canonico o ordinario e sono una continua sorpresa per gli occhi e per il palato.

Vaccino antinfluenzale 2020 in Toscana: quando, dove e come farlo

Per chi è a costo zero e quando è l'inizio: quello che c'è da sapere sul vaccino antinfluenzale in Toscana per la stagione 2020-2021, in piena emergenza Covid

Ludopatia: il Covid non ferma il gioco d’azzardo patologico

Aumentano i giocatori d’azzardo patologici e si temono gli effetti della crisi Covid. Una cura c’è, ma bisogna agire subito