giovedì, 24 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Coronavirus, tutti i bonus: dai...

Coronavirus, tutti i bonus: dai buoni spesa ai 600 euro Inps

A chi spettano, come e quando fare domanda? Mini-guida agli aiuti economici e alle indennità previste per famiglie e lavoratori a seguito dell’emergenza Covid-19

-

In arrivo aiuti per famiglie, lavoratori e liberi professionisti in difficoltà a seguito del blocco totale per il coronavirus: si va dai buoni spesa che i Comuni metteranno a disposizione per comprare beni di prima necessità, fino alle indennità per chi ha visto diminuire drasticamente gli introiti, come il bonus da 600 euro per i lavoratori autonomi da richiedere all’Inps. E poi ci sono i voucher per pagare le baby sitter e il “premio” in busta paga per lavora e continua a lavorare nonostante l’emergenza Covid-19.

Abbiamo stilato una breve guida per capire a chi spettano i singoli “bonus coronavirus”, indicando come e quando fare richiesta.

Solidarietà alimentare: buoni spesa Covid-19

È l’ultima misura in ordine di tempo pensata dal governo, in aggiunta a quelle previste dal decreto “Cura Italia”. Un’ordinanza della protezione civile nazionale (qui il testo) che stanzia in tutto 400 milioni di euro: si tratta di buoni spesa che i singoli Comuni destineranno alle famiglie in difficoltà, giovani coppie, pensionati e singoli, per l’acquisto di beni di prima necessità.

Nelle scorse ore si è parlato di buoni da 300 euro o più bonus 25 euro o 50 euro, spetterà però alle singole amministrazioni comunali decidere la cifra, a chi spetteranno gli aiuti e le modalità di richiesta. Intanto alcune catene di supermercati, come Coop e Conad, si sono dette disponibili a prevedere uno sconto per chi usufruirà dei “buoni spesa coronavirus”, mentre si stanno muovendo anche le associazioni di categoria dei piccoli negozi.

Bonus spesa, a chi spetta: famiglie o singoli in difficoltà, in base ai requisiti stabiliti dai Comuni
Come fare richiesta: contattare il proprio Comune di residenza

Coronavirus: bonus 600 euro per partite iva e liberi professionisti

Dal primo aprile sul sito dell’Inps è possibile fare richiesta del bonus da 600 euro previsto dal decreto “Cura Italia” per i liberi professionisti, le partite Iva, i cococo e i lavoratori autonomi danneggiati economicamente a seguito dell’emergenza coronavirus. La richiesta va fatta grazie a un pin semplificato da richiedere online oppure tramite il codice Spid (a chi spetta di preciso? Qui tutti i requisiti). A questi si aggiungono anche i professionisti iscritti alle casse previdenziali autonome, ad esempio ingegneri, architetti e giornalisti grazie a un nuovo decreto in cui  è previsto un limite di reddito.

Chi farà richiesta, riceverà un bonus 600 euro una tantum ed esentasse, riferito al mese di marzo in cui è scattata l’emergenza coronavirus, che secondo le previsioni sarà pagato entro il 15 aprile.

A chi spetta il bonus da 600 euro: liberi professionisti, partite Iva, cococo, lavoratori autonomi
Come fare domanda: dal primo aprile sul sito Inps a questo link

Bonus da 100 euro in busta paga per chi lavora in sede durante l’emergenza coronavirus

Per quanto riguarda i lavoratori dipendenti che hanno continuato a svolgere il proprio impiego durante l’emergenza coronavirus è in arrivo un bonus di massimo 100 euro che sarà accreditato automaticamente nella busta paga di marzo e sarà esentasse: non è quindi necessario fare domanda. La cifra può variare perché viene rapportata ai giorni effettivi di lavoro e, attenzione, non spetta a chi ha lavorato da casa o in smart working, ma solo a chi ha continuato ad operare nella normale sede di lavoro (ad esempio i dipendenti dei supermercati).

A chi spetta il bonus da 100 euro: lavoratori dipendenti che hanno continuato a lavorare (no smart working)
Come fare domanda: in automatico nella busta paga

Bonus baby sitter: voucher da 600 euro a 1000 euro, domanda sul sito Inps

A seguito dell’emergenza coronavirus e della chiusura delle scuole, il governo con il decreto “Cura Italia” ha anche previsto un bonus baby sitter da 600 euro a 1000 euro, la cifra cambia a seconda della situazione del nucleo familiare. La domanda per il voucher può essere presentata dal primo aprile tramite i patronati, il contact center di Inps o con richiesta online sul sito dell’istituto nazionale di previdenza sociale tramite il pin dispositivo o il codice Spid, se già in possesso, oppure richiedendo online un pin semplificato.

Chi prima arriva meglio alloggia: i fondi saranno destinati in base all’ordine cronologico di presentazione delle richieste. Il bonus spetta a chi ha figli sotto i 12 anni, se non si è usufruito del congedo parentale di 15 giorni, e può essere richiesto dai lavoratori dipendenti del settore privato, gli iscritti alla gestione separata, gli autonomi iscritti all’Inps o altre casse e anche dai dipendenti pubblici del settore sanità, sicurezza, difesa e soccorso pubblico.  Il pagamento del bonus avverrà nel mese di maggio.

A chi spetta il bonus baby sitter: famiglie con under 12, se non si è usufruito dei congedi parentali straordinari
Come fare domanda: dal primo aprile sul sito di Inps, nella sezione dei voucher baby sitter.

Ultime notizie

Torna La rondine di Puccini al Teatro del Maggio Fiorentino

La stagione lirica del teatro fiorentino continua, dopo il successo del Rinaldo, con "La Rondine" di Giacomo Puccini

Maglieria uomo, tutte le novità per l’autunno

È arrivato il momento del cambio di stagione: i consigli su come "rinfrescare" il proprio guardaroba

Firenze Marathon 2020 annullata, la maratona torna nel 2021

Quando si terrà la 37esima edizione della gara e cosa succede per chi ha già fatto l'iscrizione

Giornate europee del patrimonio 2020: musei a 1 euro a Firenze e in Toscana

Visite guidate gratis, eventi e aperture serali dei musei a un prezzo simbolico: cosa vedere in Toscana per le Gep 2020