domenica, 25 Luglio 2021
Adv Adapex
HomeSezioniCronaca & PoliticaCome cambiano le "Botteghe di...

Come cambiano le “Botteghe di Firenze”

'Botteghe di Firenze', come cambia il portale del Comune a un anno dalla pandemia. La piattaforma si rinnova e guarda al post Covid

-

Come stanno cambiando le botteghe fiorentine per restare sul mercato e rispondere alla sfida della pandemia, anche attraverso gli strumenti digitali. È la fotografia che il Comune di Firenze intende scattare attraverso un’indagine tra gli aderenti al portale ‘Le Botteghe di Firenze’, lanciato durante il primo lockdown di marzo 2020 per individuare gli esercizi di vicinato aperti e con consegna a domicilio.

L’obiettivo dell’indagine su Le Botteghe di Firenze

L’obiettivo dell’indagine è quello di raccogliere i dati in formato anonimo da porre alla base dei prossimi sviluppi del portale che intende proporsi come piattaforma digitale stabile per lo shopping cittadino nel dopo Covid. Una piattaforma che nel frattempo si amplia, con l’aggiunta della sezione dedicata ai marketplace locali e la distinzione nella mappa tra settore ‘food’ e ‘non food’, con tutti i dati rilasciati in formato open data.

Il posizionamento digitale delle Botteghe di Firenze

“Oltre a rilanciare l’utilità del portale in questa nuova fase di zona rossa – hanno detto gli assessori all’innovazione Cecilia Del Re e al commercio Federico Gianassi -, vogliamo fotografare con dati diretti come è cambiato il posizionamento digitale delle botteghe a un anno dalla pandemia, indagandone l’impatto sull’attività e aprendo la strada a una piattaforma di shopping cittadino, anche a partire dalle informazioni che ci forniranno gli operatori”.

Ultime notizie