sabato, 24 Febbraio 2024
- Pubblicità -
HomeSezioniCronaca & PoliticaControlli degli alberi a Firenze,...

Controlli degli alberi a Firenze, via al piano del Comune

Più controlli degli alberi a Firenze dopo l'ennesimo caso di una quercia caduta, stavolta alla scuola elementare Montagnola, all'Isolotto.

- Pubblicità -

-

- Pubblicità -

Il Comune di Firenze vara un piano straordinario di controlli alberi a seguito dell’albero caduto alla scuola elementare Montagnola, all’Isolotto. Dopo l’episodio del 7 marzo scorso nel parco delle scuole Vittorio Veneto e Pestalozzi e quello del 9 febbraio alle Cascine, stavolta è venuta giù una quercia. Per fortuna l’episodio si è verificato nel fine settimana, a scuola chiusa.

Il Comune ha reso noto anche qualche dettaglio relativamente alla caduta della quercia ad alto fusto. La pianta è caduta per il cedimento dell’apparato radicale, probabilmente a causa del forte temporale che ha interessato Firenze nella notte tra venerdì e sabato.
L’albero era stato controllato il 6 aprile con Visual Tree Assessment senza evidenza, si spiega da Palazzo Vecchio, “di difetti gravi e senza interventi di potatura prescritti. La prossima VTA era in programma quindi dopo due anni, ad aprile 2024”.

- Pubblicità -

Il piano di controlli degli alberi a Firenze

Il Comune di Firenze ha dato il via al piano di controlli alberi. Saranno investite risorse pari a 300mila euro, grazie a un emendamento sul bilancio comunale 2023-2025, approvato in Consiglio comunale mercoledì scorso. Il piano prevede un potenziamento delle attuali verifiche dello stato di salute degli alberi e si aggiungerà ai controlli già in campo. Ci saranno prove strumentali aggiuntive rispetto a quelle normalmente effettuate: su un totale di 4500 alberi presenti nei giardini scolastici, Palazzo Vecchio stima di sottoporre a prove aggiuntive circa 1500 esemplari.

Quando scatterà il servizio

Si stima di avviare il servizio entro la fine di aprile e fino a settembre in modo da non gravare troppo nella fase di apertura delle scuole. Nel frattempo il Comune sta anche procedendo per avere una zonizzazione approfondita del rischio legato alla presenza degli alberi, soprattutto nei giardini pubblici. Sono anche allo studio metodi innovativi per la mappatura tridimensionale. E la valutazione delle alberature stradali con macchine ad alto rendimento che permettano di studiare lo stato degli alberi in maniera automatizzata.

- Pubblicità -

Il sindaco Dario Nardella ha ribadito che la cura del verde “è una priorità per l’amministrazione. Vogliamo una città non solo con sempre più alberi ma sempre più alberi controllati e sicuri. Il rischio zero non esiste ma dobbiamo limitarlo al massimo delle nostre capacità. Le scuole sono un luogo particolarmente sensibile e vogliamo concentrare ora proprio lì i nostri sforzi”. L’assessore all’ambiente Andrea Giorgio ha evidenziato che “è la prima volta di un piano del genere. Ed è la prima volta che si apre una discussione su come potenziare il sistema dei controlli sugli alberi della città”. Col nuovo piano di controllo alberi a Firenze l’obiettivo è evitare ogni tipo di problematica, visto che ormai tali fenomeni non sono più eccezionali.

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Ultime notizie

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -