venerdì, 4 Dicembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Coronavirus in Toscana: il 10...

Coronavirus in Toscana: il 10 settembre più contagi e ricoverati

Aumenti di positivi in tutte le province, crescono ricoveri e guarigioni. Non ci sono nuovi morti. Tutti i dati del bollettino della Regione

-

Non si fermano i contagi di coronavirus in Toscana, i casi – stando ai dati del bollettino di oggi, 10 settembre 2020 – continuano a crescere in modo costante in tutte le province, ma le ultime news parlano anche di un aumento dei ricoverati nei posti letto Covid e nelle terapie intensive, anche se la situazione rimane sotto controllo. Oggi non si registrano nuovi morti.

I nuovi casi di Covid-19, le news del bollettino

Secondo notizie diffuse dalla Regione, a fronte di 7.212 tamponi, nelle ultime 24 ore sono stati individuati 92 positivi in più al coronavirus in Toscana (ieri erano 88, il giorno prima 59). Il 64% è asintomatico, il 23% presenta sintomi lievi. 15 casi sono legati a rientri dall’estero, 3 da arrivi dalla Sardegna, mentre il 28% dei nuovi contagi è collegato a un precedente caso già individuato. L’età media dei 92 casi di oggi è di 38 anni.

Non c’è una provincia che non registri un aumento, ecco la distribuzione sul territorio toscano, in base al domicilio dei positivi: ad Arezzo si segnalano 18 casi di coronavirus in più, 17 a Pisa, 16 a Firenze, 9 a Pistoia, 8 a Massa Carrara, 7 a Siena, 6 a Livorno e anche a Lucca, 3 a Grosseto e 2 in più a Prato.

Coronavirus: il punto della situazione in Toscana e i dati del 10 settembre 2020

Oggi, 10 settembre 2020, sono 2.214 le persone ancora positive al coronavirus in Toscana (+3,4% rispetto al bollettino di ieri): la stragrande maggioranza, 2.127 soggetti, si trova in isolamento a casa per sintomi lievi o assenti (66 in più rispetto a ieri, +3,2%), ma aumentano i ricoverati nei posti di letto Covid degli ospedali (oggi sono 87, 7 in più rispetto a ieri, +8,8%). Tra quest’ultimi 13 pazienti sono in terapia intensiva (due in più, +18,2%).

Altri 3.983 soggetti sono in quarantena a casa, perché hanno avuto contatti con contagiati. Oggi non si registrano nuovi morti, mentre 19 persone sono guarite.

Apertura delle scuole in Toscana: guida alle regole anti-Covid per il rientro

Come si muove l’epidemia di Covid in Toscana

La curva dei contagi si sta quindi lentamente tornando ad alzare, dopo il picco minimo di giugno e luglio. Dall’inizio dell’epidemia di coronavirus al 10 settembre, in Toscana sono stati fatti 609.191 tamponi e si contano 12.738 positivi totali: 9.377 persone sono guarite (73,6% dei casi complessivi), 1.147 i deceduti, mentre – come detto – le persone attualmente isolate o in cura per Covid-19 sono 2.214.

Secondo i dati dell’Agenzia Regionale di Sanità e le notizie del bollettino del 10 settembre, la Toscana resta la decima regione in Italia per incidenza di coronavirus (342 casi ogni 100.000 abitanti) e l’undicesima per mortalità (con una media di 30,8 deceduti  ogni 100.000 residenti).

Le province più toccate e con il maggiore tasso di mortalità grezzo sono Massa Carrara (699 casi e 90,3 decessi ogni 100.000 residenti), Lucca (413 contagi e 38,2 morti) e Firenze (382 positivi e 41,3 decessi ogni 100.000 residenti). I dati più bassi per incidenza a Livorno, la mortalità più bassa invece si registra a Grosseto.

Ultime notizie

Dpcm 3 dicembre in Gazzetta Ufficiale: testo integrale (pdf) del decreto

Dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale entra in vigore il nuovo decreto della Presidenza del Consiglio: dove scaricare e leggere il testo completo del Dpcm del 3 novembre con le regole per Natale, Capodanno e l'Epifania

Cosa cambia e cosa succede con il nuovo Dpcm dal 4 dicembre 2020

Spostamenti tra regioni, coprifuoco, negozi, apertura dei ristoranti, palestre e feste in casa a Capodanno: cosa cambia dopo il 4 dicembre con l'uscita del nuovo Dpcm e con il decreto legge Natale

Coprifuoco anche a Natale e Capodanno: nuovo Dpcm, orario più lungo

Coprifuoco alle 22 anche durante le feste, comprese le notti di Natale, vigilia e Capodanno. Il nuovo decreto non salva né il cenone della vigilia né il veglione di San Silvestro

Spostamenti tra comuni, nuovo Dpcm di Natale: regole dopo il 4 dicembre

Le regole per le feste natalizie. "Disincentivare gli spostamenti tra regioni e limitare gli spostamenti tra comuni anche in zona gialla", annuncia il ministro della Salute Speranza