venerdì, 25 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Coronavirus, ancora 8 casi in...

Coronavirus, ancora 8 casi in Toscana: le notizie del 15 giugno

Il contagio resta stabile, 8 nuovi casi. Dimuiscono i ricoveri: notizie e dati di oggi, 15 giugno, sul coronavirus in Toscana

-

Anche oggi 8 nuovi casi di coronavirus in Toscana e tre decessi: numeri stabili rispetto agli ultimi giorni, segno di un contagio sotto controllo ma non ancora debellato. Queste le ultime notizie sull’andamento del Covid 19 in Toscana secondo quanto riportato dal bollettino regionale di oggi, lunedì 15 giugno.

Restano 489 i casi attualmente positivi in Toscana, su un totale di 10.188 infetti rilevati dall’inizio dell’epidemia.

I tamponi eseguiti da ieri sono 1.582, quelli analizzati 1.712. Meno numerosi come sempre accade la domenica, giorno in cui alcuni dei laboratori di analisi restano chiusi. Il totale dei tamponi eseguiti dal 1° febbraio in Toscana è di 293.683.

Coronavirus, ultime notizie in Toscana (15 giugno)

Metà degli ultimi casi rilevati, quattro su otto, sono in provincia di Arezzo, dove dall’inizio di giugno si erano registrato soltanto due nuovi casi in due settimane. La mappa del coronavirus in Toscana vede oggi dunque 3.513 casi complessivi rilevati in provincia di Firenze (3 in più rispetto a ieri), 569 a Prato, 680 a Pistoia (1 in più), 1.051 a Massa Carrara, 1.366 a Lucca, 897 a Pisa, 558 a Livorno, 683 ad Arezzo (4 in più), 441 a Siena, 430 a Grosseto.

La Toscana si conferma al 10° posto in Italia come numerosità di casi, con circa 273 casi ogni 100.000 abitanti. La media italiana, a ieri, era di circa 393. Massa Carrara è la provincia più colpita con un tasso di 539 casi ogni 100.000 abitanti. Seguono Lucca con 352 e Firenze con 347, la più bassa Siena con 165.

Rimangono 442 persone in isolamento a casa, positive ma con sintomi lievi o prive di sintomi (meno 7 rispetto a ieri). Scendono di 53 unità le persone isolate dopo essere entrate in contatto con soggetti positivi: sono oggi 3.051.

Torna a scendere, dopo il leggero aumento di ieri, il numero dei ricoverati in ospedale: in Toscana ci sono 47 pazienti nei posti letto Covid, 3 in meno di ieri. Di questi, 16 sono in terapia intensiva (stabili).

Ci sono poi anche 15 nuove guarigioni, per un totale di 8.611 persone che hanno superato il virus. Sono 416 “clinicamente guariti” (-29 rispetto a ieri), divenute cioè asintomatiche, e 8.195 (+44) guariti a tutti gli effetti, con doppio tampone negativo.

Si registrano 3 nuovi decessi, quelli di un uomo e due donne, con un’età media di 85,3 anni. Un decesso notificato nella provincia di Firenze, due in quella di Prato. I morti dall’inizio dell’epidemia di coronavirus in Toscana sono 1.088, così ripartiti per provincia: 397 a Firenze, 51 a Prato, 80 a Pistoia, 162 a Massa Carrara, 140 a Lucca, 89 a Pisa, 61 a Livorno, 46 ad Arezzo, 31 a Siena, 23 a Grosseto. Altre 8 persone sono decedute sul suolo toscano, ma erano residenti fuori regione.

Il tasso grezzo di mortalità toscano, ovvero il numero di deceduti sulla popolazione residente, è di 29,2 ogni 100.000 residenti contro il 56,9 della media italiana. La Toscana resta l’11° regione più colpita. Il tasso di mortalità più alto si riscontra in provincia di Massa Carrara (83,1), seguono Firenze (39,3) e Lucca (36,1). Il più basso a Grosseto (10,4).

Sono i dati, aggiornati alle ore 12 di oggi, elaborati dall’Agenzia regionale di sanità e dall’Unità di crisi Coronavirus, trasmessi con il bollettino regionale di oggi, 15 giugno, sul coronavirus in Toscana.

Ultime notizie

Cosa fare a Firenze nel weekend: gli eventi del 26 e 27 settembre

Bancarelle, vintage, fiere, spettacoli e musei a 1 euro: il meglio del programma per l'ultimo fine settimana di settembre

Giornate europee del patrimonio 2020: musei a 1 euro a Firenze e in Toscana

Visite guidate gratis, eventi e aperture serali dei musei a un prezzo simbolico: cosa vedere in Toscana per le Gep 2020

Spid, cos’è e come richiedere il “codice” per i bonus di Inps e governo

Un solo nome utente e una sola password per accedere a tutti i siti: da quelli statali alle Regioni fino ai servizi comunali. Ecco la procedura per richiedere le credenziali uniche

Pin Inps addio: dal 1° ottobre serve lo Spid per richiedere i servizi online

Un piccola rivoluzione per l'accesso al portale dell'Istituto di previdenza: non si potrà più richiedere il Pin