mercoledì, 2 Dicembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Coronavirus in Toscana: 99 contagi...

Coronavirus in Toscana: 99 contagi in più. Tutti i dati

Continua a oscillare la curva epidemiologica: oltre 1.800 le persone attualmente positive al Covid-19

-

Contagi in leggero calo, non ci sono nuovi morti con Covid, mentre il 5% dei casi positivi in questo momento è ricoverato in ospedale: sono le ultime notizie sul coronavirus in Toscana, contenute nel bollettino di oggi, 4 settembre 2020, con i dati che la Regione ha trasmesso alla protezione civile.

I nuovi contagi di coronavirus in Toscana: casi Covid e dati del 4 settembre 2020

In particolare i nuovi casi di coronavirus registrati tra il 3 e 4 settembre sono 99 in più (ieri erano stati 113, i giorni prima 69 e 90) di cui 16 legati a rientri dall’estero, 6 ad arrivi da altre regioni italiane, 5 a cittadini residenti fuori dalla Toscana ma sottoposti a tampone qui. Il numero di test effettuati nelle ultime 24 ore è grossomodo stabile, 7.730. Insomma la curva epidemiologica continua a oscillare. Resta ferma l’età media dei nuovi positivi, 38 anni, mentre il 70% risulta asintomatico, il 21% con sintomi lievi sintomatico.

Ad oggi gli attualmente positivi sono 1.817 (+5% rispetto al bollettino diffuso dalla Regione Toscana ieri): circa il 95%, ossia 1.742 persone, è in isolamento a casa perché non ha sintomi o non richiede cure in ospedale, 75 invece i pazienti ricoverati nei posti letto Covid (+7,1%), di cui 8 in terapia intensiva (uno in più rispetto a ieri). Si registrano poi 13 guarigioni in più. 4.189 persone sono in isolamento, non perché malate ma perché hanno avuto contatti con contagiati.

I dati dall’inizio dell’epidemia nella regione

Sono 12.179 i casi totali di positività al coronavirus registrati in Toscana dall’inizio dell’emergenza sanitaria, a fronte di 567.766 tamponi eseguiti fino a oggi, 4 settembre, ecco i dati dei contagi provincia per provincia: 3.742 casi complessivi a Firenze (22 in più rispetto a ieri), 652 a Prato (11 in più), 851 a Pistoia (2 in più), 1.274 a Massa (10 in più), 1.559 a Lucca (8 in più), 1.095 a Pisa (12 in più), 579 a Livorno (9 in più), 874 ad Arezzo (8 in più), 519 a Siena (2 in più), 509 a Grosseto (10 in più). 525 casi sono stati notificati in Toscana, ma riguardano residenti in altre regioni (5 in più).

guariti hanno raggiunto quota 9.219 (75,7% dei casi totali), mentre sono fermi i decessi, 1.143 dall’inizio dell’epidemia: 418 a Firenze, 52 a Prato, 81 a Pistoia, 175 a Massa Carrara, 147 a Lucca, 91 a Pisa, 63 a Livorno, 50 ad Arezzo, 33 a Siena, 25 a Grosseto, 8 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione.

Coronavirus in Toscana: la situazione aggiornata al 4 settembre

In base alle notizie del bollettino di oggi, 4 settembre, la Toscana si conferma la decima regione in Italia per numerosità di casi di coronavirus, con circa 327 positivi ogni 100.000 abitanti, contro la media nazionale di circa 452. Le province con l’incidenza più alta si confermano ancora una volta Massa Carrara (654 casi x 100.000 abitanti), Lucca (402) e Firenze (370). I dati più bassi a Livorno (173).

Per quanto riguarda i decessi, il tasso grezzo di mortalità in Toscana per Covid-19 (ossia il rapporto tra il numero di deceduti e la popolazione residente) rimane fermo a 30,6 morti ogni 100.000 residenti (la media italiana è di 58,8): siamo l’undicesima regione per tasso di mortalità. Massa Carrara, Firenze e Lucca sono le province con il tasso più alto, Grosseto quella con il dato più basso.

Ultime notizie

Cashback, bonus di Natale 2020: come funziona, l’app IO e lo Spid

A dicembre un rimborso da 150 euro per chi fa shopping nei negozi fisici e paga con le carte elettroniche o con il cellulare: ecco come richiederlo e a cosa serve l'app

Il concerto di Antonio Artese, dal Museo Marino Marini al web

Il Museo Marino Marini e l'Istituto Italiano di cultura di Oslo insieme per il concerto del maestro Artese, ispirato alle opere dell'artista

Messa di Natale 2020 anticipata prima di mezzanotte: l’orario di inizio

La santa messa della vigilia fa i conti con il coprifuoco. La Cei: va celebrata, ma si può fare qualche ora prima

Spostamenti tra comuni, il nuovo Dpcm di Natale: stop dopo il 3 dicembre

Le regole per le feste natalizie. "Disincentivare gli spostamenti tra regioni e limitare gli spostamenti tra comuni anche in zona gialla", annuncia il ministro della Salute Speranza