lunedì, 28 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Coronavirus, continua il trend positivo...

Coronavirus, continua il trend positivo in Toscana: i dati e le notizie del 23 marzo

Sono 184 i nuovi casi positivi e 18 i morti: i dati e le ultime notizie sul coronavirus nel bollettino della Toscana del 23 marzo

-

Sono 184 i nuovi casi e 18 i deceduti in Toscana nelle ventiquattro ore dal precedente bollettino: questi i dati del 23 marzo, numeri in calo rispetto a ieri e che, soprattutto, per il terzo giorno lasciano intravedere una lieve tendenza in discesa nell’andamento del contagio da coronavirus in regione. Queste le ultime notizie.

I casi totali dall’inizio dell’emergenza coronavirus salgono a 2.461 in Toscana. Sono 155 i nuovi ricoveri in ospedale, di cui 23 in terapia intensiva. Il totale dei ricoverati sale a 1.076, dei quali 238 in terapia intensiva, circa il 22%.

Coronavirus in Toscana, i dati del 23 marzo

Tra i dati incoraggianti del bollettino del 23 marzo c’è anche quello delle guarigioni, nove nelle ultime 24 ore. Il totale sale a 51, divisi in 21 guarigioni virali (i cosiddetti “negativizzati”) e 30 le guarigioni cliniche. Il totale dei casi positivi e attualmente in cura sale a 2.301.

Guarda la mappa del contagio in Toscana

Sono invece 18 i pazienti morti rispetto a ieri, compresa quella che è fin qui la vittima più giovane del contagio in Toscana, un 30 enne di San Giuliano Terme. Il totale dei decessi sale a 109 persone, tutte affette da più patologie.

Questi i 18 decessi che si sono verificati in Toscana nelle ultime 24 ore, con l’indicazione di sesso, età, Comune del domicilio: M. 87, Pontremoli; M. 69, Massa; M. 70, Piombino; M. 82, Lucca; F. 85, Fivizzano; M. 77, Casciana Terme; M. 90, Pontremoli; F. 86, Bagnone; M. 82, Carrara; M. 97, Fivizzano; M. 85, Pisa; F. 30, San Giuliano Terme; M. 81, Pisa; M. 89, Carmignano(PO); M. 85, Pontassieve; F. 90, Agliana(PT); M. 84, Quarrata(PT); M. 86, Chiusi (SI).

Coronavirus, i codici Ateco delle attività essenziali che restano aperte

Coronavirus, a Firenze 548 casi

I 2.461 tamponi risultati positivi sono così suddivisi per provincia di segnalazione (non sempre corrispondente a quella di residenza): 548 Firenze, 229 Pistoia, 137 Prato (totale Asl centro: 914), 363 Lucca, 289  Massa-Carrara, 266 Pisa, 140 Livorno (totale Asl nord ovest: 1058), 128 Grosseto, 160 Siena, 201 Arezzo (totale sud est: 489).

Il numero di tamponi effettuati in Toscana dal 1° febbraio sale a 13.851 tamponi su 12.612 casi. Nelle ultime 24 ore, sono stati fatti 587 tamponi.

I laboratori impegnati nel testare i tamponi sono: i tre laboratori di microbiologia e virologia delle tre aziende ospedaliere universitarie di Careggi, Pisa e Siena, in funzione dall’inizio di febbraio, a cui negli ultimi giorni se ne sono aggiunti altri sei: Ispro (Istituto per lo studio, la prevenzione e la rete oncologica), i laboratori di Arezzo e Grosseto (Asl sud est), Livorno e Lucca (Asl nord ovest), più un laboratorio privato.

Coronavirus, le ultime notizie dalla Toscana (23 marzo)

Dal monitoraggio giornaliero sono 9.324 le persone in isolamento domiciliare in tutta la Toscana: 3.569 nella Asl centro, 2.895 nella Asl nord ovest, 2.860 nella Asl sud est.

Questi i dati trasmessi dalla Regione Toscana al Ministero della salute alle 15 di oggi, lunedì 23 marzo, per l’aggiornamento del bollettino nazionale.

 

Ultime notizie

Stop per la Domenica metropolitana. Gli altri musei di Firenze gratis

Sospeso l'ingresso gratuito per i residenti nei musei civici la prima domenica del mese. I fiorentini però possono "consolarsi" con altri luoghi d'arte, dove l'ingresso è sempre libero

Concorso straordinario scuola 2020, date e posti disponibili per regione

Scatta il primo concorso per i docenti precari di medie e superiori. I dettagli sulla prova

Mascherina, dove c’è obbligo all’aperto: dalla Lombardia alla Sicilia

In quali regioni le mascherine sono obbligatorie, 24 ore su 24, anche all'aria aperta: le regole

Bonus tv, come richiederlo: modulo pdf per televisione e decoder DVB-T2

Addio al vecchio televisore o al vecchio decoder: in arrivo un nuovo standard di trasmissione del digitale terrestre. Per le famiglie a basso reddito c'è però un voucher per compare nuovi apparecchi