mercoledì, 30 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Più guariti, 127 nuovi casi,...

Più guariti, 127 nuovi casi, 16 decessi: il bollettino del 18 aprile in Toscana

Aumentano i guariti, 127 nuovi casi e 16 morti: le ultime notizie nel bollettino di oggi, sabato 18 aprile, sul coronavirus in Toscana

-

Un deciso aumento delle guarigioni, 224 in più da ieri, 127 nuovi casi positivi e 16 morti: queste le ultime notizie dal bollettino regionale di oggi, sabato 18 aprile, sul contagio da coronavirus in Toscana.

Coronavirus, il bollettino del 18 aprile in Toscana

Il totale dei casi di positività accertata dall’inizio dell’epidemia da coronavirus in Toscana sale così a 8.237 di cui 6.470 attualmente positivi (-113 da ieri).

La mappa del contagio in Toscana

La mappa del contagio vede al momento 2.563 i casi complessivi nella provincia di Firenze (69 in più rispetto a ieri), 457 a Prato (8 in più), 554 a Pistoia (7 in più), 918 a Massa (6 in più), 1.165 a Lucca (7 in più), 774 a Pisa (8 in più), 480 a Livorno (5 in più), 548 ad Arezzo (7 in più), 399 a Siena (7 in più), 379 a Grosseto (3 in più).

Più guariti, meno ricoverati

Prosegue il trend positivo sia per quanto riguarda i guariti che per i ricoverati in ospedale. Si riducono infatti le persone nei posti letto dedicati ai pazienti Covid, che oggi sono complessivamente 1.081, 24 in meno di ieri. Di questi, 198 sono in terapia intensiva (complessivamente 9 in meno rispetto a ieri).

Prendendo a riferimento il picco toccato il 3 aprile 2020, oggi i ricoverati totali sono il 25% in meno (il 12% in Italia), il 31% in meno nelle terapie intensive (dato in linea con quello italiano).

Coronavirus, ultime notizie dalla Toscana (18 aprile)

Aumentano poi le persone guarite, salite a 1.149 (circa il 24% in più rispetto a ieri). Di queste, 631 sono considerate “clinicamente guarite”, divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione. Altri 518 sono i “negativizzati”, guariti a tutti gli effetti.

Complessivamente, 5.389 persone sono in isolamento a casa con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, oppure risultano prive di sintomi (89 in meno rispetto a ieri).

Altre 17.987 (più 196 rispetto a ieri) sono le persone, anch’esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con persone contagiate (ASL centro 8.420, Nord Ovest 8.254, Sud Est 1.313).

Nelle ventiquattro ore dall’ultimo bollettino si sono registrati 16 decessi: 9 uomini e 7 donne con un’età media di 81 anni. Si tratta di 5 persone decedute nella provincia di Firenze, 1 a Prato, 5 a Massa-Carrara, 2 a Lucca, 2 a Pisa, 1 a Grosseto.

La provincia con la letalità (percentuale di morti sul totale dei casi) più alta continua ad essere Pistoia con 12,3%. La più bassa è Grosseto, con 3,7%. La Toscana, complessivamente, è al 7,5% contro la media italiana che ieri era del 13,2%.

La regione si consolida all’undicesimo posto in Italia come numerosità di casi, con circa 221 casi per 100.000 abitanti (a fronte di una media italiana di 286 casi per 100 mila, dato di ieri).

Verso quota 100 mila tamponi

I tamponi si avviano verso quota 100 mila. Con i 3.672 eseguiti da ieri e i 4.522 il totale dei test fatti da inizio epidemia in Toscana è di 99.903.

Ultime notizie

Collaboratori sportivi, arriva il bonus da 600 euro per giugno 2020

Pubblicato, dopo più di un mese di ritardo, il decreto attuativo: come funziona l'indennità e come fare domanda alla società Sport e Salute

Trekking: la rinascita della “Via degli Dei”, da Firenze a Bologna

Da Bologna a Firenze a piedi, attraversando l’Appennino: è la Via degli Dei, un percorso dalla storia millenaria. Firmato un protocollo per promuovere il turismo slow

Il rischio di sospensione del campionato di Serie A per i positivi Covid

Dopo i 14 giocatori del Genoa risultati positivi al coronavirus ci si interroga su come mettere in sicurezza il mondo del pallone

Mascherina, dove c’è obbligo all’aperto: dalla Lombardia alla Sicilia

In quali regioni le mascherine sono obbligatorie, 24 ore su 24, anche all'aria aperta: le regole