Elezioni candidati presidente Quartiere 3 Firenze - Elezioni Firenze Quartiere

Sei candidati alla carica di presidente del Quartiere 3 di Firenze: il 26 maggio, in occasione delle elezioni comunali  (e di quelle europee) i fiorentini saranno chiamati a rinnovare anche i Consigli di Quartiere e chi guida questi piccoli “parlamenti di rione”.

Elezioni 2019: chi sono i candidati presidente per il Quartiere 3 di Firenze

Due donne e quattro uomini, ecco chi si presenta per la corsa a presidente di Quartiere 3 per le zone di Gavinana, Galluzzo e Sorgane: Serena Perini, Alessio Di Giulio, Valerio Cipolli, Luigi Casamento, Benedetta Treves, Mauro Di Giulio. Il presidente di Q3 uscente Alfredo Esposito non si è ricandidato, perché impegnato come responsabile della campagna elettorale di Dario Nardella.

SERENA PERINI

Candidata presidente di Quartiere 3 sostenuta da: Lista Nardella, Partito Democratico, +Europa, Avanti Firenze

Chi è: nata nel 1966, collabora con l’associazione comunità Papa Giovanni XXIII. È consigliera comunale uscente.

Mi candido perché: “Amo il mio quartiere e vorrei lavorare e impegnarmi perché la qualità della vita dei cittadini sia migliore. Avrò una particolare attenzione verso chi è in difficoltà e vorrei essere la voce di chi non ha voce”.

ALESSIO DI GIULIO

Candidato presidente di Quartiere 3 sostenuto da: Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia, Lista civica Firenze Bocci sindaco

Chi è: nato nel 1981 a Firenze. È procacciatore assicurativo e dipendente di un’azienda del trasporto pubblico.

Mi candido perché: “Voglio migliorare il quartiere in cui sono nato e in cui vivo. No alla tramvia così com’è concepita oggi, serve una rivisitazione del progetto per non danneggiare cittadini e commercianti. Il quartiere ha bisogno di una sicurezza che oggi manca. Serve una nuova sistemazione per la ‘moschea’ di Sorgane”.

VALERIO CIPOLLI

Candidato presidente di Quartiere 3 sostenuto da: Movimento 5 Stelle

Chi è: nato nel 1952 a Saint-Genest-Lerpt, in Francia, vive a Firenze. È consulente informatico e si occupa di sviluppo software.

Mi candido perché: “ritengo fondamentale saper fare una sintesi di ciò che realmente serve alla città. Ho girato il mondo e ho avuto modo di vedere tanti modelli di città e di viverli. Esperienze positive che posso portare anche all’interno del Quartiere 3”.

LUIGI CASAMENTO

Candidato presidente di Quartiere 3 sostenuto da: Sinistra Italiana, Potere al popolo, Firenze Città Aperta

Chi è: nato nel 1950, ex ferroviere ed ex dipendente dell’Agenzia del territorio. Pensionato dal 2011, è segretario della Casa del Popolo del Galluzzo.

Mi candido perché: “vogliamo riportare un presidio ambulatoriale al Galluzzo e creare un centro giovani che risponda alle esigenze dei ragazzi e dei meno fortunati, con doposcuola, corso di italiano e altre attività gratuite”.

BENEDETTA TREVES

Candidata presidente di Quartiere 3 sostenuta da: Libera Firenze

Chi è: nata a Firenze nel 1956. Ricercatrice di Scienze della terra, attivista ambientalista, in particolare contro gli inceneritori e per la svolta economica e sociale verso “rifiuti zero”.

Mi candido perché: “da sempre amo la natura della nostra meravigliosa terra. Credo in uno sviluppo sostenibile che contrasti il modello predatorio prevalente nella nostra città. Nelle istituzioni dobbiamo portare la lotta per la vivibilità della nostra città, che è veramente unica, contro coloro che cercano solo profitto immediato di pochi, a scapito
della salute di tutti”.

MAURO DI GIULIO

Candidato presidente di Quartiere 3 sostenuto da: Casapound

Chi è: nato a Firenze nel 1952, oggi è pensionato

Mi candido perché: “Sono nato, cresciuto e vissuto tra Gavinana e Sorgane. Voglio tutelare le botteghe e i negozi di vicinato attraverso la riduzione delle imposte e bloccando l’invasivo prolungamento della tramvia. Trasformazione della Foresteria Pertini in struttura per anziani, basta centri di accoglienza”.

Elezioni Firenze, liste e candidati nel Quartiere 3

I Quartieri e le elezioni a Firenze, le notizie

La novità è che da quest’anno i cittadini eleggono direttamente i presidenti dei Quartieri fiorentini con un meccanismo molto simile a quello delle consultazioni per il Comune, eccetto che per il voto disgiunto, non ammesso nelle votazioni per i Consigli di Quartiere.

Nello speciale de ilReporter.it notizie e approfondimenti sulle elezioni 2019 a Firenze.