“Anche quest’anno l’Aiuto estate anziani ha riscosso il consueto successo con centinaia di cittadini assistiti e migliaia di interventi. Per questo voglio ringraziare tutti quelli che, operatori e volontari, hanno reso possibile questo risultato. Che concretamente significa aver dato un sostegno concreto ad anziani, spesso soli, nella vita di tutti i giorni”. È un bilancio lusinghiero quello dei servizi estivi per gli anziani che oggi è stato tracciato dall’assessore alle politiche sociali e presidente della Società della Salute Graziano Cioni.

Nell’occasione il direttore della Società della Salute Riccardo Poli ha ricordato i numeri che caratterizzano il mondo anziani a Firenze: al 31 dicembre 2007 gli over 65 erano 94.789 pari al 27% circa della popolazione. Di questi più della metà (52.283) ha più di 75 anni. Gli over 85 erano 14.865, gli ultranovantenni 4.977 e gli ultracentenari 188. Numeri che diventano ancor più significativi se si considera gli anziani che vivono soli: ben 30.551 gli over 65 (praticamente uno su tre), 20.456 gli over 75, 14.313 gli ultraottantenni e 2.684 gli ultranovantenni.

“Da sottolineare – ha aggiunto Poli – l’aumento registrato dal 1999 al 2007 degli anziani soli. Se gli over 74 anni, per esempio, sono passati da 45.074 a 50.283 con un incremento di oltre l’11%, gli anziani soli nella stessa fascia di età sono aumentati quasi del 50% passando da 17.177 a 25.631”. “Si tratta di un piccolo esercito – ha aggiunto Cioni – che, nonostante gli sforzi dell’amministrazione, viene raggiunto solo parzialmente dai nostri servizi. E nei prossimi anni questo esercito non potrà che aumentare con tutto quello che ne consegue a livello di impatto sui servizi sociali e sanitari. Un segnale in questo senso arriva dagli Stati Uniti dove si stima che, quando la generazione del baby boom del dopoguerra entrerà nella terza età, il problema demografico si moltiplicherà per tre. È quindi indispensabile attrezzarci per rispondere a questa che sarà la vera emergenza dei prossimi anni”.

Tornando al bilancio dei servizi dell’estate anziani (che si concretizzano in un rafforzamento degli interventi già attivi tutto l’anno), quest’anno sono state oltre 540 persone tra la sorveglianza attiva e quella passiva senza contare i cittadini che hanno partecipato alle iniziative di socializzazione e ai pasti in amicizia a Montedomini.

“Si tratta di un pacchetto di servizi che riscuotono un notevole successo tra la popolazione anziana, come dimostrano i numeri – ha sottolineato l’assessore Cioni -. E che danno un fondamentale contributo per combattere uno dei nemici principali della terza età, la soliditudine”. Si tratta ancora una volta di dati molto significativi: sono stati 369 le persone seguite dall’Aiuto Estate anziani per oltre 4.000 interventi tra cui gli oltre 1.800 pasti a domicilio. Da non dimenticare poi i quasi 8.300 i pasti serviti a Montedomini e i 175 gli utenti seguiti dalla sorveglianza attiva.

In estate sono continuati anche i pranzi e le cene in amicizia a Montedomini presso il self service aperto ai fiorentini ultrasessantacinquenni, particolarmente a quelli che vivono soli.

Grande successo anche per le iniziative ricreative e di socializzazione organizzate dall’Ancescao, dall’Auser e dalla UISP. Il programma delle iniziative, aperte a tutti, ha spaziato dal ballo con musica dal vivo ai giochi a premi, dalle visite ai musei della città alle cocomerate, dalle gite domenicali fuori porta agli spettacoli estivi al giardino di Boboli, dagli spettacoli teatrali all’attività motoria, dalle biciclettate al corso di golf riscuotendo come consueto una notevole partecipazione tra gli anziani. I