martedì, 24 Novembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Ex Caserma Gonzaga: la rinascita...

Ex Caserma Gonzaga: la rinascita arriva da Varese

L'intervista al giovane e creativo Paolo Luigi Poloni, il vincitore del concorso di idee per la riqualificazione dell'ex Caserma Gonzaga - Lupi di Toscana, un'area dismessa e inutilizzata da 10 anni

-

L'idea per far rinascere l'ex caserma Lupi di Toscana, al confine tra Firenze e Scandicci, arriva da fuori città. Giovane e creativo Paolo Luigi Poloni è l’architetto di Luino (Varese) che ha vinto, sbaragliando le archistar fiorentine, il concorso di idee per la trasformazione della ex Gonzaga. Incuriositi, gli abbiamo chiesto di raccontarci il suo progetto.

Cosa l’ha spinta a partecipare al bando?

Vedo nei bandi una grande potenzialità che mi incentiva a formare un gruppo di lavoro ricco di competenze, crescere professionalmente e ad arricchirmi culturalmente. Nel caso specifico, mi sono interessato per tre motivi. Il primo riguarda la struttura del bando: aperto e senza vincoli o preclusioni particolari. Ci è piaciuto, inoltre, metterci alla prova sulla scala del progetto in quanto rientrava nell’interesse che da qualche tempo portiamo verso la progettazione urbana e dello spazio pubblico. Infine è stata Firenze a convincermi, vi ho vissuto per quasi un anno durante uno stage e da allora mi sta molto a cuore.

Hanno partecipato architetti famosi a Firenze e non solo, qual è il quid in più del vostro progetto secondo lei?

In un contesto articolato e complesso come la Caserma, penso che l’elemento convincente sia stata la chiarezza e la semplicità dell’idea. Il tentativo di risolvere in maniera organica tutta una serie di criticità legate alla viabilità, alla mobilità pubblica si è dimostrato essere una soluzione semplice e capace di realizzarsi senza creare nuove complicazioni.

Progetti vincitore ex caserma Lupi di Toscana Firenze

Quali caratteristiche ritiene siano più significative, capaci di rispecchiare il suo stile, la sua creatività e la sua interpretazione di architettura sociale?

Il progetto non nasce per esprimere uno stile bensì con un metodo: si basa su un’analisi impostata a tre livelli, sistema-infrastruttura-architettura, che partono da una visione più ampia a livello strategico-territoriale sino a quella più dettagliata che entra nel merito della qualità degli spazi. Trattandosi di un progetto urbano, l’obiettivo era quello di realizzare un sistema generale di integrazione per la città con un’offerta di servizi di qualità. 

Per questo, è il grande spazio verde centrale a rappresentare al meglio il progetto. Uno spazio concepito come un luogo di vita di circolazione e di scambio, la strada smette così di essere solo spazio di flusso per tornare a essere generatore di socialità. Lo spazio centrale limita e concentra l’occupazione del sito, offrendo i presupposti per una sostenibilità economica e una corretta funzionalità dei servizi.

Ultime notizie

Babbo Natale passa anche col Covid? I consigli della psicologa del Meyer

Tanti bambini chiedono se Babbo Natale passerà anche quest'anno, nonostante il coronavirus. Il Reporter ha chiesto consiglio a una psicologa infantile del Meyer su come vivere queste strane feste insieme ai più piccoli

Quanti contagiati oggi in Italia: record di morti e casi in aumento

I dati del 24 novembre sui nuovi casi di coronavirus: quanti contagiati da Covid-19 ci sono oggi in Italia?

Covid Toscana 24 novembre: contagi sotto quota 1.000. I dati del bollettino

Giù nuovi contagi, ricoverati e persone attualmente positive. Resta alto il numero dei morti. I principali del del bollettino Covid della Regione Toscana, aggiornato al 24 novembre 2020

Dove si può viaggiare nonostante il Covid

Sembra strano, ma andare all'estero è ancora possibile: i paesi dove si può viaggiare e le regole in vigore fino al 3 dicembre