Un incontro aperto a tutti per presentare il nuovo volto dell’ex Panificio Militare di via Mariti, dove arriverà un supermercato Esselunga, ma anche una grande area verde.

L’appuntamento è per giovedì 7 febbraio 2019 alle ore 20.30 nel teatro della Chiesa dell’Ascensione del Signore in via Giovanni da Empoli. L’assemblea pubblica è stata convocata dall’assessore all’urbanistica del Comune di Firenze Giovanni Bettarini e dal presidente della commissione Ambiente Fabrizio Ricci. Saranno presenti i tecnici di Esselunga, che si è aggiudicata l’asta per il complesso abbandonato da 50 anni, per illustrare il piano di recupero.

Il progetto, Esselunga nell’ex panificio militare

Al centro dei lavori la creazione di una struttura commerciale della “grande Esse”: 2 piani e 2500 metri quadrati di superficie di vendita per un edificio con la facciata in intonaco e pietra, nello stile tipico della catena di supermercati.

Al piano terreno prenderanno posto una serie di servizi, come bar, giochi per bambini, punto assistenza clienti e  servizi, mentre all’esterno sarà realizzato un grande giardino, con accesso da via del Ponte di Mezzo, viali pedonali lungo via del Ponte di Mezzo e via Mariti, oltre a un parcheggio pubblico. In arrivo anche nuovi alberi.

Guarda i rendering del progetto Esselunga per il panificio militare

Il piano di recupero è stato adottato lo scorso dicembre dalla giunta comunale di Firenze. Collegate a questi cantieri ci sono anche una serie di opere di urbanizzazione: sarà realizzata una nuova illuminazione led, le strade e i marciapiedi verranno messi a nuovo.

“Una trasformazione attesa da decenni – ha commentato l’assessore Bettarini – Un piano di recupero importante che realizza l’intervento indicato dal regolamento urbanistico concentrando le strutture nella parte sud e liberando il resto dell’area per destinarla a verde e a parcheggio pubblico: un modo per restituire alla città un giardino aperto a tutti verso via Ponte di Mezzo, che possa diventare luogo di aggregazione per il quartiere”.

La storia del complesso di via Mariti

L’ex panificio militare di via Mariti è stato per mezzo secolo un “buco nero” di Firenze: un grande complesso abbandonato a partire dagli anni Settanta e rimasto finora chiuso alla città. È stato realizzato negli anni Venti del Millenovecento e fino al 1936 serviva a rifornire di alimenti di prima necessità le strutture militari della città. In seguito è stato usato solo come magazzino e rimessa e cinquant’anni fa è stato definitivamente abbandonato.

“Nel corso dell’assemblea, presenteremo ai cittadini il piano di recupero – aggiunge il presedente della commissione Ambiente del Comune di Firenze Fabrizio Ricci – per far apprezzare tutti gli interventi previsti e condividere il progetto adottato con i residenti e i fruitori dell’area, anche in relazione alla nuova linea della tramvia che rappresenta già un forte elemento di valorizzazione della zona”.