mercoledì, 25 Novembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica La Novoli dei grandi nomi...

La Novoli dei grandi nomi dell’architettura

Tra palazzoni e complessi residenziali spuntano edifici di “firme” importanti. Dal Palazzo di Giustizia al Polo universitario, passando per il parco di San Donato: si tratta di progetti e opere che hanno preso – o stanno prendendo – forma nella zona, ma che spesso hanno fatto discutere. E non mancano nemmeno gli esempi di “archeologia industriale”.

-

Firenze culla del Rinascimento, certo. Centro storico riconosciuto dall’Unesco come patrimonio dell’umanità, assodato. Che la nostra città rappresenti uno dei capolavori mondiali dal punto di vista artistico e architettonico è un dato incontrovertibile.

GRANDI NOMI. La bella Fiorenza è il risultato di secoli di storia e di cultura. Tuttavia, nella periferia fiorentina, l’urbanizzazione in molte parti sregolata avviata nella seconda metà del Novecento – e non ancora del tutto arrestata – sembra aver creato un paesaggio urbano anonimo e disarmonico, privo di un’identità urbanistica e architettonica definita e riconoscibile. Eppure, tra palazzoni anni ’60, magazzini e complessi residenziali in serie, si trovano edifici di recente costruzione che portano la firma di grandi nomi dell’architettura e dell’urbanistica nazionale e internazionale. Molto spesso si tratta di siti pubblici o di edilizia popolare, progetti affidati a professionisti per riqualificare e riorganizzare lo spazio urbano. Molto spesso il progetto originario ha subito delle trasformazioni più o meno funzionali. E molto spesso la presenza della firma prestigiosa ha provocato aspettative e delusioni, apprezzamenti e polemiche. Nel Q5 il caso più eclatante, che continua a dividere, è quello del nuovo Palazzo di Giustizia – ormai pronto ad aprire i battenti – progettato da Leonardo Ricci negli anni ’80.

OPERE. Altra opera realizzata da un nome illustre dell’architettura è il Polo universitario di via Forlanini, progettato da Adolfo Natalini e inaugurato nel 2004. Il complesso comprende sette edifici che ospitano le facoltà di Giurisprudenza, Scienze Politiche ed Economia, la mensa, la biblioteca e alcuni servizi per gli studenti. Stile architettonico e materiali usati hanno sollevato non poche critiche, tuttavia resta il dato di fatto della creazione di una cittadella universitaria all’interno del tessuto urbano, più o meno funzionale, più o meno sostenibile. Un’opera quasi interamente realizzata, e che invece sembra avere caratteristiche di sostenibilità e funzionalità, è il parco di San Donato, tra via di Novoli e viale Guidoni: 12 ettari di verde che, insieme al parcheggio sotterraneo e alle residenze adiacenti, sono frutto di un progetto ambizioso nelle dimensioni e nel numero di firme coinvolte, dal primo progetto degli anni ’80 di Leonardo Ricci e del paesaggista americano Lawrence Halprin fino al definitivo piano di Leon Krier, attuato da Roberto Gabetti e Aimaro Isola. Ma c’è anche il caso di interventi volti a recuperare situazioni di fatiscenza e poca funzionalità, come quello delle cosiddette “navi” delle Piagge, per le quali dai primi anni 2000 a oggi, con il progetto dell’architetto De Carlo e le proposte di giovani urbanisti, si è cercato di predisporre il recupero e la riorganizzazione.

RIQUALIFICAZIONE. A oggi sono state effettuate opere di riqualificazione e ricostruzione, nonché la predisposizione di alcune aree e servizi pubblici che hanno parzialmente migliorato le carenze infrastrutturali e viarie della zona. Infine, sono da menzionare anche i due grandi grandi “contenitori” dismessi della zona, opere di archeologia industriale che rappresentano elementi rilevanti dal punto di vista urbanistico e culturale: l’ex Meccanotessile e l’ex Manifattura Tabacchi. “Si tratta di elementi pregevoli, caratterizzanti il tessuto urbano di Firenze, da tutelare e valorizzare”, spiega il professor Massimo Preite, vicepresidente dell’Associazione italiana per il Patrimonio Archeologico Industriale. E chissà che un giorno, insieme all’immortale cupola del Brunelleschi, simbolo di Firenze non diventerà anche qualche opera di “rinascimento contemporaneo”.

Ultime notizie

Quante persone posso invitare in casa per le feste a Natale e Capodanno

Vietate le feste private, ma per il periodo natalizio il nuovo Dpcm raccomanderà celebrazioni in famiglia a numero chiuso, solo con gli affetti più stretti

Bonus spesa, Comune di Firenze: buoni Covid da 500 euro per novembre

In arrivo le risorse del decreto ristori ter per aiutare le famiglie in difficoltà: "presto il bando con i requisiti dei buoni spesa", dice il sindaco di Firenze

Babbo Natale passa anche col Covid? I consigli della psicologa del Meyer

Tanti bambini chiedono se Babbo Natale passerà anche quest'anno, nonostante il coronavirus. Il Reporter ha chiesto consiglio a una psicologa infantile del Meyer su come vivere queste strane feste insieme ai più piccoli

Quanti contagiati oggi in Italia: record di morti e casi in aumento

I dati del 24 novembre sui nuovi casi di coronavirus: quanti contagiati da Covid-19 ci sono oggi in Italia?