mercoledì, 25 Novembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica La regione critica Trenitalia

La regione critica Trenitalia

critiche della regione a Trenitalia per i guasti sulla linea ferroviara Firenze - Lucca a causa di problemi legati alla rete.

-

“E’ increscioso che si verifichino guasti alla linea. Ma ancor più intollerabile è il fatto che questi non vengano comunicati agli utenti in modo da permettere una corretta informazione che limiti i disagi”. Lo ha dichiarato l’assessore regionale ai trasporti Riccardo Conti stamani, dopo che da tre giorni accadono guasti sulla linea Firenze-Lucca a causa di problemi legati alla rete, con la conseguenza di enormi ritardi.

“Già a luglio e agosto – ha proseguito Conti – si sono riscontrati inconvenienti gravi che hanno fortemente limitato il comfort delle carrozze oltre a tutti quei difetti organizzativi che hanno portato a sostituire i treni con i bus. Alla fine dell’estate e con la ripresa dell’offerta regolare, i disagi non diminuiscono anzi, ne succedono di quelli che da tempo non subivamo più, come i guasti alla rete. Ad aggravare la situazione, la totale assenza di informazione per tre giorni. Un silenzio che è inammissibile sia nei confronti di quei cittadini che stanno viaggiando e che hanno il diritto di sapere cosa sta capitando, sia nei confronti di coloro che, se avvertiti per tempo, potrebbero organizzare il loro viaggio in modo diverso”.

“La Direzione regionale di Trenitalia – ha concluso l’assessore – sta mostrando una distanza e una insensibilità nei confronti degli utenti che è indispensabile correggere. Faccio presente che il 15 settembre riapriranno le scuole: per quella data occorrerà eliminare tutte le criticità che finora si sono manifestate. Quanto già oggi non è accettabile, a quella data potrebbe rivelarsi disastroso”.

Notizia precedenteDengue, un nuovo caso
Notizia successivaMeyer, nuovo reparto

Ultime notizie

Toscana arancione o gialla dopo il 3 dicembre: quando il cambio di zona

"Prima rientriamo in zona arancione meglio è", dice il governatore della Toscana. C'è un "cauto ottimismo" sui dati dei contagi e la regione potrebbe essere promossa prima del 3 dicembre

Cosa succederà e cambierà dopo il 3 dicembre con il nuovo Dpcm

Governo al lavoro sul nuovo decreto anti-Covid: spostamenti tra regioni, coprifuoco, impianti sciistici, apertura dei ristoranti la sera, palestre e feste in casa. Le ipotesi sul tavolo

100 anni di Ciampi: lo Spi organizza due convegni e un film

Due giornate per ricordare Ciampi, l'ex presidente della Repubblica, nato a Livorno 100 anni fa

Messa di Natale 2020, coprifuoco dopo mezzanotte con il nuovo Dpcm?

Il nodo della messa di mezzanotte. Il governo è al lavoro sul nuovo Dpcm e si pensa a un coprifuoco speciale per la notte di Natale e Capodanno