location matrimoni toscana particolari mare ville castello

Un luogo fuori dal Comune (inteso come municipio) per sposarsi: dentro un museo, al mare su un’assolata spiaggia, in un borgo medievale, in un castello o “al verde”. Esistono tante location per i matrimoni in Toscana che possono sorprendere gli innamorati, ma anche gli invitati.

La Toscana va a nozze con il fatidico “sì”: nel 2018 è stata la meta italiana più ambita dai promessi sposi stranieri. Secondo i dati del Centro studi turistici di Firenze copre da sola il 30% del “mercato  dei fiori d’arancio” internazionale, anche perché nel corso degli anni per i riti (e le unioni) civili, alle sale dei palazzi comunali si sono affiancati nuovi luoghi, del tutto speciali, dove celebrare le cerimonie nuziali. Il prezzo è meno economico rispetto alla consueta sala comunale, ma l’effetto scenografico è garantito. Ecco qualche consiglio per rendere ancora più unico questo giorno speciale.

Sposarsi a Firenze, in Comune o al museo

L’ultima novità a Firenze è l’ex infermeria del convento di Santa Maria Novella, che da settembre 2019 si aggiungerà alla rosa di “location d’arte” suggerite dal Comune per chi vuole convolare a nozze. Già oggi è possibile dire “sì” in alcune perle del centro storico, come dentro Palazzo Vecchio (Sala di Lorenzo e Salone dei Cinquecento, oltre che nella “classica” Sala rossa, la scelta low cost e gratuita per i fiorentini residenti in città) o nel Museo Bardini (sala della carità).

A queste si aggiunge, in periferia, la sala consiliare di Villa Vogel nel quartiere dell’Isolotto. Il Comune ha dedicato una sezione del suo sito istituzionale a chi vuole sposarsi a Firenze, con l’elenco dei luoghi e relativi prezzi.

Location per matrimoni in Toscana, al mare e su un pontile

Fede al dito e piedi sulla sabbia. Iniziamo da una location che ricorda le Seychelles, ma è più vicina e low cost: le spiagge bianche di Vada, nel livornese. Il Comune di Rosignano di recente ha detto  “sì” alle nozze in riva al mare.

Il matrimonio con vista sul litorale è possibile nella suggestiva baia di Castiglioncello. Matrimonio a portata di traghetto all’Isola d’Elba, che per le cerimonie sulla spiaggia offre vari luoghi tra Marciana e Capoliveri, dalla fine sabbia di Procchio alla spiaggia dorata di Lacona. Fiori d’arancio non solo sull’arenile: in Versilia la marcia nuziale sale sul moderno pontile del Lido di Camaiore (Lucca), arrivati al termine sembrerà di essere in mezzo al mare.

Castelli toscani adatti a un matrimonio, i consigli

A pochi chilometri da Firenze troviamo il Castello di Calenzano, piccolo villaggio fortificato nato nel dodicesimo secolo, messo a disposizione dal Comune per cerimonie nuziali. Sulla costa invece il Castello Pasquini di Castiglioncello è una suggestiva struttura ottocentesca che richiama le costruzioni medievali.

Spostandoci nel senese, Monteriggioni offre a sposi e invitati anche il giardino interno alle mura, mentre in Val d’Orcia si trova il Castello di Sarteano struttura di origine quattrocentesca: nozze in una sala interna o nel cortile e il ricevimento tra la “piazza d’armi” esterna e il parco dei Lecci. All’Isola d’Elba infine il Comune di Marciana permette di sposarsi nella fortezza pisana.

Nozze “al verde” o in montagna

Sotto piazzale Michelangelo, il Giardino delle rose di Firenze è perfetto per un matrimonio panoramico: una vista unica sulla città, centinaia di antiche specie di rose e anche le sculture dell’artista Jean Michel Folon rendono questa location un museo all’aria aperta.

Matrimoni Toscana location giardino delle Rose Firenze
Il giardino delle rose di Firenze

Gli sposini “green” possono scegliere inoltre la costa pisana dove il parco naturale di San Rossore propone cerimonie open air nella tenuta della Presidenza della Repubblica (un tempo possedimento dei Savoia). In caso di pioggia i matrimoni possono essere ospitati all’interno della villa del Gombo.

Nel centro di Pisa, nozze nel Giardino Scotto oppure  nella vicina Fortezza Sangallo, mentre i più avventurosi possono arrivare fino in montagna per dire sì alla Baita Verde, nei pressi di Campo all’Orzo, sulle Apuane.

Cerimonie civili in teatro, da Fiesole alla Val d’Orcia

Invitati al posto degli spettatori e sposi come protagonisti. Tra le location più particolari per un matrimonio ci sono i teatri. Il più antico è il teatro romano di Fiesole, che offre per le cerimonie una terrazza affacciata sull’area archeologica.

Singolare è anche il teatro dei Rinnovati a Siena, sette secoli di storia dentro il Palazzo pubblico. E
poi ancora nozze in platea a Sarteano (Siena), sotto gli stucchi ottocenteschi del Teatro degli
Arrischianti
, e nel centro di Camaiore (Lucca) tra le poltroncine del Teatro dell’Olivo.

Dire “sì” in ville, chiese e cappelle: dal Chianti a Pisa

Per un matrimonio nella storia è possibile sposarsi, con rito civile, nella piccola Cappella di San Michele Arcangelo a Semifonte, che si trova a Barberino Val d’Elsa, nel Chianti fiorentino. Eretta alla fine del Cinquecento, ha una forma molto particolare perché riproduce in scala 1 a 8 la cupola brunelleschiana del Duomo di Firenze.

Luoghi dove Sposarsi in Toscana rito civile Chianti Cappella Semifonte

Sempre nella stessa zona fiori d’arancio anche nel seicentesco Palazzo Malaspina, al centro del borgo medievale di San Donato in Poggio, nel Comune di Tavarnelle Val di Pesa. Nel pisano invece è possibile sposarsi con rito civile in una chiesa sconsacrata: il Comune d Pisa apre le porte dell’ex Abbazia di San Zeno, vicino piazza Santa Caterina, antico monastero le cui origini risalgono all’anno Mille.

E i matrimoni allo stadio di Firenze?

Troppo presto per dire il fatidico sì, ma il pressing per portare allo stadio Artemio Franchi cerimonie di matrimonio in viola va avanti. “Stiamo lavorando con la Fiorentina per definire un calendario di date, stabilite con un buon anticipo, per chi vorrà sposarsi allo stadio con rito civile”, dice l’assessore allo sport del Comune di Firenze Andrea Vannucci.

Dribblati i problemi sulla sicurezza dell’apertura dell’impianto sportivo per le nozze, la nuova sfida è stilare un cronoprogramma per far scendere in campo gli sposini senza sorprese al novantesimo minuto, come il rinvio del giorno tanto atteso per eventi sportivi dell’ultima ora. La “partita” per ospitare nozze al Franchi è iniziata nel 2016 con una mozione del Consiglio di Quartiere 2, arrivata anche alla commissione affari generali di Palazzo Vecchio.