venerdì, 25 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Le specie aliene che stanno...

Le specie aliene che stanno ‘invadendo’ Firenze

Dalla tartaruga (che morde) al pesce (che divora tutto). Sono le specie aliene invasive presenti in città: non arrivano da pianeti lontani, ma da habitat diversi e minacciano il nostro ecosistema

-

Alcune divorano tutto quello che capita loro a tiro, altre riducono gli argini dei fiumi a un groviera. Gli esperti le chiamano “specie aliene invasive”, piante e animali che non arrivano da altri pianeti, ma da habitat lontani e che sono devastanti per il nostro ecosistema.

Sono “atterrate” da noi per mano, consapevole o meno, dell’uomo e qui non trovano predatori naturali a frenare il loro sviluppo. In tutta la Toscana ne esistono oltre 567 specie e anche Firenze vanta la sua “collezione” di colonie aliene invasive: pesci, insetti, mammiferi, alghe. Si va dal gambero rosso della Louisiana, alla cosiddetta “erba alligatore”, verde pianta acquatica che affiora vicino alla riva dell’Arno. I danni sono stimati ogni anno in oltre 12 miliardi di euro in tutta Europa.

I danni provocati dalle specie aliene invasive (anche a Firenze)

“Le specie aliene invasive minacciano la biodiversità, competono con le specie autoctone, nei casi più gravi comportandone anche il rischio estinzione, e sono spesso responsabili della diffusione di patogeni e malattie”: Alberto Inghilesi, è uno zoologo, fa parte del team di Nemo, società fiorentina specializzata negli studi naturalistici che è partner del progetto Life Asap, cofinanziato dalla  Commissione Europea per fronteggiare queste invasioni biologiche.

“L’obiettivo – chiarisce – è ridurre l’introduzione delle specie aliene invasive e contenerne gli impatti sul territorio italiano, grazie all’aumento della consapevolezza di tutti i cittadini, professionisti e pubbliche amministrazioni riguardo alle problematiche causate da queste specie”.

La “legge anti-alieni” e l’app acchiappa invasori

Di recente è stato approvato un regolamento europeo che ha stilato una black list di 49 specie: non possono introdotte nell’Ue, vendute o liberate in natura. “Il consiglio – suggerisce Inghilesi – è di informarsi sempre prima di acquistare una pianta o un animale, per capire da dove proviene e se si tratta di una specie aliena invasiva. Teniamo sempre presente che liberare in natura specie aliene invasive non è una buona pratica da cittadini responsabili”.

In cantiere ci sono incontri pubblici e un’app per dare la “caccia” agli “invasori”, con cui i cittadini potranno segnalarne la presenza. Per informazioni è possibile consultare il sito del progetto Lifeasap dedicato alle specie aliene invasive.

Ultime notizie

Cosa fare a Firenze nel weekend: gli eventi del 26 e 27 settembre

Bancarelle, vintage, fiere, spettacoli e musei a 1 euro: il meglio del programma per l'ultimo fine settimana di settembre

Tour della Toscana, alla scoperta delle bellezze di questa regione

Arte, storia, cultura, piccoli borghi, natura e buona cucina: i migliori tour della Toscana da Firenze al Chianti fino alla Val d'Orcia

Smart working: cosa cambia dopo il 15 ottobre (senza la proroga)

Le regole per il lavoro agile nel settore privato e quelle per i genitori con meno di 14 anni

Torna La rondine di Puccini al Teatro del Maggio Fiorentino

La stagione lirica del teatro fiorentino continua, dopo il successo del Rinaldo, con "La Rondine" di Giacomo Puccini