giovedì, 29 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Manifattura Tabacchi, ok al progetto...

Manifattura Tabacchi, ok al progetto di recupero

Il Consiglio comunale di Firenze dà il via libera al piano di recupero del grande complesso alle porte delle Cascine. Ecco cosa prevede il progetto e le novità

-

La rinascita della Manifattura Tabacchi di Firenze è vicina. Il Consiglio comunale ha approvato la variante urbanista e il piano di recupero per l’immenso complesso da 98mila metri quadri che si trova tra piazza Puccini e il parco delle Cascine: qui nascerà un cittadella della formazione della cultura e del turismo, con case, uffici, alberghi, piccoli e medi negozi e laboratori artigiani.

Il progetto

Molti dei nuovi ambienti saranno aperti al pubblico, come ad esempio la piazza dell’Orologio e la piazza coperta che nascerà al centro del complesso, il cuore del progetto. Si tratterà di una strada degli artigiani, con una copertura trasparente e non invasiva: al piano terra una “food hall” strutturata come un mercato con caffè e luoghi di ristoro, tutto intorno piccoli negozi e spazi per mostre ed eventi temporanei, mentre al piano superiore co-working e ambienti di lavoro aperti.

Da qui si svilupperà il nuovo “quartiere Manifattura” con spazi di co-living, ospitalità, abitazioni private,  teatro, laboratori di artigianato di qualità con attività di produzione e vendita.

Cosa sarà demolito degli edifici della Manifattura Tabacchi di Firenze

Per il piano di recupero saranno demoliti solo 4 ex magazzini, mentre tutti gli altri edifici saranno recuperati. In più sorgeranno 3 nuovi fabbricati su una superficie di 18.500 metri quadrati. Confermati anche gli impegni per la riqualificazione urbana, che interesserà via Tartini, via delle Cascine e piazza Puccini. Tutti i dettagli nel nostro articolo dedicato al progetto per la Manifattura Tabacchi di Firenze, con 5 domande e 5 risposte.

Manifattura Tabacchi Firenze

Le novità

L’ok del Consiglio comunale arriva dopo il periodo previsto dalla legge per le osservazioni e i pareri degli organi competenti: agli uffici sono arrivati 5 pareri e 6 osservazioni. Le osservazioni accolte riguardano l’aumento da 1500 a 2500 metri quadrati della superficie per l’housing sociale e la creazione di due spazi aperti al pubblico per valorizzare la storia della Manifattura Tabacchi di Firenze e creare un luogo di aggregazione dedicato ai bambini, per un totale di 200 metri quadri.

“Un nuovo quartiere”

“Nasce un nuovo quartiere all’ex Manifattura Tabacchi – ha commentato il sindaco di Firenze Dario Nardella – Una riqualificazione che darà vita a un centro aperto ai cittadini. Pubblico e privato insieme per la rigenerazione urbana e culturale di Firenze”. Con questo passaggio in Consiglio comunale si conclude il processo di valutazione ambientale strategica del progetto.

“L’intervento di rigenerazione urbana più grande e probabilmente più complesso sul territorio del Comune di Firenze è finalmente arrivato a definizione – ha spiegato l’assessore all’Urbanistica Giovanni Bettarini – Una riqualificazione che non riguarderà solo la struttura dell’ex Manifattura ma darà vita a un nuovo centro aperto ai quartieri e ai cittadini: uno degli esempi più importanti del momento di profonda rinascita urbana e culturale che sta vivendo la città, attraverso la rigenerazione dei contenitori vuoti e l’attrazione di investimenti”.

Ultime notizie

Bonus ristoro 2020: a chi vanno i 1000 euro Inps di ottobre

Dagli stagionali ai lavoratori dello spettacolo: ecco i requisiti per ottenere il nuovo bonus previsto dal "decreto ristoro" a seguito dell'emergenza Covid

Le 4 stagioni per le strade di Firenze e la primavera “senza testa”

Nella Città del fiore si possono vedere raffigurati i simboli delle quattro stagioni dell’anno in almeno tre luoghi.

Sospensione del pignoramento immobiliare della prima casa

Novità dal decreto ristori per le procedure esecutive immobiliari che riguardano le abitazioni principali

Come richiedere i contributi a fondo perduto del Decreto ristori

Col Decreto ristori arrivano nuovi contributi a fondo perduto per le imprese colpite dalle chiusure: codici Ateco, coefficienti e requisiti