Con Toscana in fiore nasce una nuova manifestazione dedicata a far conoscere e promuovere la produzione floricola.

Teatro dell’iniziativa, in programma sabato e domenica prossimi, la cittadina di Pescia, che ospiterà mostre, mercati, esibizioni, convegni, rigorosamente dedicati al mondo dei fiori.

In programma anche il varo del ‘treno dei fiori’, una corsa speciale su un treno a vapore, in programma per sabato 19 con tragitto Firenze – Pescia. “Sarà una vetrina speciale per il nostro comparto floricolo – ha evidenziato l’assessore regionale Agostino Fragai nel corso della conferenza stampa di presentazione dell’evento, svoltasi a Palazzo Bastogi e cui hanno partecipato anche il presidente del Consiglio regionale Riccardo Nencini e il sindaco di Pescia Antonio Abenante.

“Toscana in fiore – ha aggiunto Fra! gai – co stituirà una notevole occasione di promozione per un settore che vanta grandi tradizioni e che, dopo una fase di crisi, vive gli inizi di una stagione di rilancio e rappresenterà anche un incoraggiamento per le nuove imprese e i giovani che si avvicinano al mondo floricolo. Inoltre questa iniziativa permetterà di consolidare il cammino di sinergia tra le aree più vocate alla floricoltura, come Lucca e Pistoia, da tre anni unite nel distretto interprovinciale e che stanno lavorando a preziose collaborazioni anche nell’ambito dei propri mercati dei fiori di Pescia e di Viareggio in cui transita il 70% della produzione toscana”.

Tra le iniziative di cartello di Toscana in fiore, “Vestire la piazza”, una esposizione di piante e fiori che si collocherà per due giorni in piazza del Grano, e ancora i mercati dei fiori, le vetrine delle associazioni e la degustazione di ricette a base di fiori e piante. Nella giornata di sabato verrà anche proposto un convegno dedicato al risparmio delle risorse idriche in floricoltura.

La manifestazione di Pescia vedrà quale protagonista un settore che in Toscana interessa 983 aziende (411 in lucchesia, 339 in provincia di Pistoia), impiega 1.343 lavoratori, per realizzare una produzione vendibile annua di 80 milioni di euro. Ogni anno vengono prodotti 93 milioni tra fiori e fronde recise e 36 milioni di piante in vaso. La hit parade dei fiori prodotti in Toscana è guidata dalle rose, seguite da garofani, crisantemi, iris, calle e gladioli.