domenica, 18 Aprile 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaNatale: ricongiungimento familiare e genitori...

Natale: ricongiungimento familiare e genitori anziani, le regole del Dpcm

Sì all'assistenza degli anziani e al ricongiungimento tra partner che vivono in città diverse: le regole del Dpcm per Natale

-

Non sarà il classico Natale in famiglia, non come siamo abituati a pensarlo. Tra le molte restrizioni agli spostamenti previste per il periodo delle feste e per i giorni di Natale, Santo Stefano e Capodanno, ci sono alcune eccezioni e altri limiti al ricongiungimento familiare che riguardano chi vuole spostarsi per raggiungere i genitori anziani o non autosufficienti, per i genitori separati che vogliono stare insieme ai figli. A far chiarezza sono le Faq del Dpcm 3 dicembre pubblicate dal governo.

Natale, le regole per il ricongiungimento familiare

La questione del ricongiungimento familiare per Natale è la più semplice da risolvere: i coniugi o i partner che vivono in città diverse possono trascorrere insieme le feste. Basta che uno dei due raggiunga l’altro nel luogo in cui ha la residenza, il domicilio o l’abitazione.

Non serve essere sposati. Si parla genericamente di “partner” e dunque il ricongiungimento familiare è consentito anche a tutti i fidanzati. Ci si potrà spostare anche durante il periodo di maggiori restrizioni, ovvero dopo il 21 dicembre e fino al 6 gennaio. In questo, come negli altri casi, vanno rispettate le altre regole previste per gli spostamenti, anche per quelli consentiti.

Genitori separati, spostamenti sempre consentiti per stare con i figli

C’è poi il capitolo dei genitori separati e degli spostamenti per trascorrere il Natale insieme ai figli che vivono altrove, in un altro comune, altra regione o anche all’estero. Sarà sempre consentito, in quanto spostamento motivato da necessità. Ci si potrà spostare per raggiungere i figli anche tra il 21 dicembre e il 6 gennaio.

Dpcm Natale: i genitori anziani

Per chi ha genitori anziani le regole sugli spostamenti nel periodo di Natale cambiano in base al loro stato di saluto e alle loro necessità. Fare visita a parenti o conoscenti sarà sempre consentito in zona gialla, anche spostandosi verso altre regioni in zona gialla, fino al 20 dicembre 2020. A partire dal 21 dicembre e dopo, fino al 7 gennaio, ci si potrà muovere solo nelle zone gialle all’interno della stessa regione. Raggiungere i genitori, anche se anziani, in un’altra regione non sarà permesso per le feste di Natale, fino al 7 gennaio.

Diverso è il caso di genitori (o parenti in generale) non autosufficienti. Chi se ne prende cura, che siano i figli o altre persone, potrà continuare a raggiungerli, anche al di fuori del proprio comune e della propria regione. Si potrà sempre uscire e spostarsi per prendersi cura di genitori o parenti non autosufficienti: anche dopo il 21 dicembre, anche fuori dal comune o dalla regione di residenza, compresi i giorni di Natale, Santo Stefano e Capodanno.

Questo a patto che non sia possibile assicurare la necessaria assistenza tramite altre persone presenti nello stesso comune o nella stessa regione. In ogni caso ci si deve spostare da soli, o comunque in numero non superiore alle persone strettamente necessarie.

 

Ultime notizie