martedì, 2 Marzo 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Neve, Renzi: "Le colpe le...

Neve, Renzi: “Le colpe le prendo io. Gestione diversa per le emergenze”

Il sindaco di Firenze è intervenuto sulla questione neve in consiglio comunale: "Per autostrade e ferrovie risponda chi di dovere. Il Comune ha fatto molto, per merito di tante persone, mentre per il tanto che è mancato le colpe le prendo io". Poi annuncia: "Entro il 30 gennaio 2011 cambieremo la gestione delle emergenze e la struttura della macchina comunale".

-

Sciolta (quasi completamente) la neve per le strade fiorentine, altrettanto non fanno le polemiche. Polemiche su come è stata gestita l’emergenza in città (e fuori), polemiche sulla macchina che (non) si è attivata. Insomma, polemiche per giorni difficili per tutti.

RENZI. E sulla questione ieri è intervenuto, in consiglio comunale, il sindaco Matteo Renzi. Che poi ha “riassunto” il suo intervento su Facebook: “Matteo Renzi ha preso la responsabilità per Firenze. Per autostrade e ferrovie risponda chi di dovere. Il Comune ha fatto molto, per merito di tante persone, mentre per il tanto che è mancato le colpe le prendo io. Entro il 30 gennaio 2011 cambieremo la gestione delle emergenze e la struttura della macchina comunale. Da domani cerc…heremo di recuperare un po’ della fiducia che abbiamo perso, a viso aperto come sempre…”.

PDL. E certo ieri in consiglio comunale la discussione non è mancata, così come gli interventi dei vari consiglieri. “Oggi il sindaco Renzi, dopo il disastro nella gestione dell’emergenza neve a Firenze nelle ultime 72 ore, è venuto in consiglio comunale per dire alla città che la colpa è sua (ma soprattutto di altri), e ha annunciato un nuovo ‘piano’ che dovrebbe garantire che un evento del genere venga gestito in maniera efficace la prossima volta. La colpa dell’accaduto secondo Renzi però è soprattutto di altri – hanno detto nel loro intervento i consiglieri del Gruppo del Popolo della Libertà – il sindaco ha tenuto molto a sottolineare l’eccezionalità dell’evento atmosferico. Lungi da noi contestarlo su questo che è un dato di fatto, anche se ampiamente previsto. Ma dove Renzi ha davvero fallito è stato nella gestione della situazione nelle 48 ore successive”.

RAZZANELLI. “Prendo atto che il sindaco si è addossato tutte le responsabilità dell’accaduto, ma credo che il problema sia che questa emergenza è stata affrontata con leggerezza e approssimazione, e gestita ancora peggio – ha detto il capogruppo di Lega Nord Toscana Mario Razzanelli – Restiamo in attesa del piano che il sindaco ci presenterà a fine Gennaio, ma come consigliere comunale vorrei partecipare tramite gli organi istituzionali (cioè le commissioni) alla sua preparazione. Credo che sia doveroso accettare questa impostazione: nel nostro ordinamento il sindaco non è un podestà, e per ora c’è ancora una assemblea eletta dai cittadini”.

DE ZORDO. “Affidare la realizzazione e la gestione di un’opera come quella del sottoattraversamento Av di Firenze a Ferrovie è un azzardo che una città come Firenze non può correre. Con quale cura potranno essere realizzati infatti i difficili e pericolosi lavori del tunnel se Ferrovie non è in grado di assicurare la manutenzione corrente di un paio di scambi in superficie?”: queste sono state le parole della consigliera di perUnaltracittà Ornella De Zordo.

Ultime notizie

Covid Toscana, casi di nuovo sopra quota mille: i dati del 2 marzo

Tornano subito sopra quota mille i nuovi casi di coronavirus in Toscana nelle ultime 24 ore, dopo appena un...

Anticorpi monoclonali: cosa sono, a che punto siamo in Italia (e in Toscana)

Da Siena arriva una promettente terapia per battere il Covid: gli anticorpi monoclonali: cosa sono, come funzionano e quando saranno disponibili in Italia. L'intervista a uno dei ricercatori che ha individuato un potente anticorpo monoclonale

Zona arancione rafforzata: significato e regole della fascia “arancio scuro”

Si allarga nuova fascia di rischio: ecco dove è in vigore, il significato di "zona arancione rafforzata" o "zona arancione scuro", cos'è e le regole su cosa si può fare

Quando esce il nuovo Dpcm Draghi e quando entra in vigore il decreto

Stop alle riaperture e regole anche per Pasqua: quando esce il nuovo Dpcm del governo Draghi, quando entra in vigore e quando scade