Un “affitto” che andava dai 300 ai 500 euro al mese: è quanto avrebbero dovuto pagare le lucciole per “occupare” una porzione di strada, tra via Forlanini e viale Guidoni. È quanto emerge dall’indagine della Polizia di Stato di Firenze, che ha portato a dieci misure cautelari nei confronti di altrettanti indagati, di nazionalità albanese, accusati di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione nella zona nord di Firenze.

Si tratta di due donne e otto uomini, tra i 20 e i 42 anni: otto di loro sono accusasti di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, due solo di favoreggiamento.

Come sono partite le indagini

L’inchiesta, condotta dalla Squadra Mobile di Firenze sotto la direzione della Procura della Repubblica fiorentina, è scattata dopo la denuncia di una ragazza.

Sarebbe esistita una mappa ben precisa in base alla quale l’organizzazione avrebbe assegnato uno spazio dal quale le giovani non potevano spostarsi senza l'ok della banda.