sabato, 15 Maggio 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaRami caduti per neve? Il...

Rami caduti per neve? Il Comune ci guadagna

L'altra faccia dei danni da neve: i rami spezzati in quel famoso venerdì 17 e quelli potati in seguito per evitare altri crolli, frutteranno al Comune circa 5mila euro. E andranno a riscaldare case, scuole e impianti sportivi di Calenzano e dintorni.

-

L’altra faccia dei danni da neve: i rami spezzati in quel famoso venerdì 17 e quelli potati in seguito per evitare altri crolli, frutteranno al Comune circa 5mila euro. E andranno a riscaldare case, scuole  e impianti sportivi di Calenzano e dintorni.

BIOMASSE. Grazie ad un accordo tra Comune di Firenze e Biogenera, infatti, le ramaglie e i tronchi di pino vengono trasformati in cippato (scaglie) e conferiti all’impianto di cogenerazione a biomasse di Calenzano, che produce acqua calda ed energia elettrica. In base all’accordo è proprio la Biogenera ad occuparsi di trasporto e triturazione del materiale raccolto. Non solo: la società paga 2 euro e mezzo a tonnellata al Comune.

2MILA TONNELLATE. Ad oggi sono circa 1.200 le tonnellate di legno conferite all’impianto di Calenzano, ma si prevede di arrivare a 2mila.  “A tale scopo – spiega l’assessore all’ambiente Stefania Saccardi – abbiamo predisposto 3 cantieri di stoccaggio e cippatura, 2 alle Cascine e uno al parco dell’Anconella, che nell’arco di una quindicina di giorni ci permetteranno di smaltire tutto il materiale accumulato in questi giorni”.

BIOENERGIA. L’impianto di Calenzano è il più grande della Toscana nel suo genere. Oltre al riscaldamento e al raffreddamento dal cippato viene prodotta anche energia elettrica, con un risparmio in bolletta per le famiglie di circa il 20%. Quando saranno conclusi gli interventi edificatori nel centro cittadino, il cogeneratore – entrato in funzione lo scorso mese di luglio e che ha comportato un investimento di circa 9 milioni di euro – fornirà energia pulita a circa 1.500 appartamenti e a numerosi edifici pubblici a Calenzano. Vantaggi per l’ambiente, ma anche per gli utenti, che non dovranno più preoccuparsi della manutenzione e dei controlli delle proprie caldaie e avranno garantito un costo inferiore rispetto al sistema tradizionale.

Ultime notizie