martedì, 19 Gennaio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Nardella: “Riapriamo la scuola, almeno...

Nardella: “Riapriamo la scuola, almeno l’ultimo giorno”

La proposta del sindaco di Firenze: almeno una giornata per rincontrare compagni di classe e professori

-

Concedere a tutti i bambini un ultimo giorno a scuola, prima della riapertura prevista a settembre, per incontrare di nuovo i compagni di classe e i maestri: la proposta arriva dal sindaco di Firenze Dario Nardella che ha raccolto gli appelli arrivati da più parti. “Apriamo le scuole l’ultimo giorno di questo anno scolastico triste e assurdo, in sicurezza e con tutte le precauzioni”, chiede il primo cittadino in un video pubblicato su Facebook e indirizzato anche al premier Giuseppe Conte, oltre che a tutti i bambini e i ragazzi italiani rimasti in questi mesi fuori dalle aule.

Nei giorni scorsi la vicemistra all’Istruzione Anna Ascani aveva proposto di organizzare a piccoli gruppi, e anche all’esterno dei locali della scuola, un incontro tra gli alunni delle ultime classi si ogni ciclo (elementari, medie e superiori).

Riapertura della scuola, almeno l’ultimo giorno

L’idea del sindaco di Firenze è quella di chiudere in bellezza l’anno scolastico 2020/2021 riaprendo anche per un solo giorno le scuole di ogni ordine e grado, a partire proprio da Firenze, per un momento di condivisione tra bambini, ragazzi e adulti. “Stiamo riaprendo tutto, dai teatri ai parrucchieri, dai ristoranti ai negozi di vestiti – dice ancora Nardella – Non possiamo allora riaprire ciò che conta di più per un Paese e cioè la scuola? Facciamolo per non lasciare sospesa questa esperienza drammatica anche per i nostri 8 milioni di bambini e adolescenti italiani, per non lasciare loro la sensazione di essere stati abbandonati o l’amarezza di una società incapace di dare loro ciò di cui hanno diritto”.

Scuola e centri estivi, le proposte da Firenze

Proprio da Firenze e dalla Toscana nelle ultime settimane è partita la discussione sull’apertura durante la fase 2 dei centri estivi 2020, per cui il governo ha previsto anche un bonus nel decreto rilancio: iniziative educative e ludiche per i bambini che da una parte aiutino i genitori alle prese con il lavoro, e dall’altra diano la mano ai veri invisibili del lockdown, i piccoli e i ragazzi rimasti a casa.

Proprio a loro si rivolge il sindaco Nardella nel video postato sulla sua pagina Facebook.  “Penso che dovremmo restituirvi un giorno di scuola, prima che finisca l’anno scolastico – dice – per ritrovarvi nelle aule con gioia, per salutare i vostri compagni diventati invisibili e intoccabili, per sorridere ai vostri maestri e insegnanti diventati un’immagine su uno schermo”.

Almeno un giorno di scuola

Riapriamo le scuole, almeno per l’ultimo giorno. Un gesto simbolico per i ragazzi, un messaggio importante al Paese.

Gepostet von Dario Nardella am Montag, 25. Mai 2020

Secondo il primo cittadino il “primo errore del lockdow è stato proprio quello di mettere” i bambini “all’ultimo posto dell’agenda politica”, rimandando la questione a settembre. “Chi aiuterà i vostri genitori che tornano al lavoro? – si chiede Nardella – Chi ascolterà il vostro dolore? Chi curerà la vostra ansia e angoscia?”. Da qui la proposta di una riapertura simbolica della scuola in tutta Italia, da Nord a Sud, per fare un vero regalo di fine anno scolastico agli alunni.

Quando finisce la scuola: l’ultimo giorno di lezioni a giugno 2020

Si avvicina infatti l’ultimo giorno dell’anno scolastico 2020, quando si spegneranno anche i computer e i tablet per la fine della didattica a distanza. Nella maggior parte delle regioni la scuola finirà il prossimo 10 giugno (Toscana, Liguria, Piemonte, Friuli, Campania, Basilicata), in molte altre il 6 giugno (Veneto, Emilia Romagna, Marche, Campania, Molise, Sicilia e Sardegna). E poi l’8 giugno in Lombardia, Lazio e Abruzzo; ultima campanella (a distanza) il 9 giugno in Umbria e Calabria; il 12 in Valle d’Aosta e il 16 giugno a Bolzano e Trento.

Ultime notizie

In zona gialla si può uscire dal comune, non dalla regione: le regole

Sì agli spostamenti fuori comune, ma non si può uscire dalla regione: le regole per la zona gialla e le eccezioni per gli spostamenti verso le seconde case e per andare a fare visita a parenti, fidanzati e amici

A che ora parla Conte al Senato e quando è il voto di fiducia: la diretta

Conte parla due volte al Senato, poi il voto: a che ora si saprà se il governo avrà avuto la fiducia e tutti gli orari per seguire in diretta tv e streaming questa lunga giornata

Musei di Firenze aperti (anche gratis): nuovi orari 2021, dagli Uffizi a Boboli

L'apertura dei musei di Firenze dopo lo stop per il Covid: i nuovi orari per la zona gialla e tutti i luoghi d'arte aperti, dalle Gallerie degli Uffizi ai musei civici

Henry Moore, a Firenze 50 anni dopo. Il ricordo di Antonio Natali

Era il 1972, per la prima volta il Forte Belvedere ospitava una grande mostra d’arte contemporanea. Oggi le opere del celebre artista inglese tornano in città: “Ma non siamo cambiati per niente”. Il racconto dell’ex direttore degli Uffizi