domenica, 20 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Rossi insegue l'Ikea, Pisa e...

Rossi insegue l’Ikea, Pisa e Livorno si litigano il megastore

Dopo il doloroso addio a Vecchiano, in provincia di Pisa, da parte del colosso Ikea, i sindaci fanno a gara per aggiudicarsi il secondo punto vendita toscano. Il derby più serrato è tra Pisa e Livorno.

-

Dopo il doloroso addio a Vecchiano, in provincia di Pisa, da parte del colosso Ikea, i sindaci fanno a gara per aggiudicarsi il secondo punto vendita toscano. Il derby più serrato è tra Pisa e Livorno.

POSTI DI LAVORO. In tempi di magra come questi, infatti, accaparrarsi un megastore da un centinaio di posti di lavoro significherebbe mettere a segno un ottimo colpo per la pubblica amministrazione. Oggi lo stesso governatore Enrico Rossi ha strigliato pubblicamente, dalle pagine dei giornali, l’amministrazione comunale di Vecchiano che tanto ha fatto per rallentare le procedure burocratiche e infine mettere in fuga Ikea.

ROSSI VS LARS. La settimana prossima Rossi dovrebbe incontrare il patron Ikea Lars Petersson, per fare un estremo tentativo di mediazione. Il dietrofront è difficile, ma non impossibile. Infatti in questi giorni i sindaci della costa toscana si sono scatenati in una serrata competizione per mettere a disposizione terreni e facilitazioni ai mobili made in Svezia.

PISA VS LIVORNO. I più agguerriti sono i primi cittadini di Pisa e Livorno, che hanno proposto spazi ai confini della città. Una delle ipotesi che va per la maggiore è targata Collesalvetti (Livorno): il punto in più sarebbe assicurato in questo caso dalla vicinanza dello svincolo autostradale della Genova-Rosignano.

Troppe carte, l’Ikea scappa dalla Toscana

Seves: prima verifica sugli esuberi a giugno 2011

Allarme bomba ai Gigli. Ma è solo un’esercitazione

Ultime notizie

Elezioni regionali Toscana 2020: affluenza al 36,29% alle ore 19

I dati sull'affluenza alle urne alle ore 19 del 20 settembre per le elezioni regionali 2020 della Toscana

Fiorentina-Torino, le immagini della gara

Biraghi, Castrovilli e Chiesa i migliori in campo

Referendum 2020: affluenza al 29,71% alle ore 19

I dati sull'affluenza al referendum 2020 sul taglio dei parlamentari: alle ore 19 del 20 settembre ha votato il 29,71%