lunedì, 28 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Scuole al via il 14...

Scuole al via il 14 settembre

Ecco il calendario scolastico 2009-2010: la giunta regionale ha approvato la delibera per tutte le scuole. Gli studenti toscani torneranno sui banchi da lunedì 14 settembre a sabato 12 giugno.

-

Scuola, presentato il calendario del prossimo anno. Gli studenti toscani, di tutte le scuole di ogni ordine e grado, torneranno sui banchi lunedì 14 settembre. L’anno scolastico 2000-2010 finirà non oltre sabato 12 giugno 2010. Nelle scuole dell’infanzia, le attività educative termineranno, come sempre, il 30 giugno.

Il calendario scolastico del prossimo anno è stato approvato dalla giunta su proposta dell’assessore all’istruzione, formazione e lavoro e condiviso, in sede di concertazione, da istituzioni, sindacati, associazioni dei genitori e delle scuole, dirigenti scolastici. La Regione ha utilizzato, come ogni anno, gli spazi discrezionali di cui dispone per garantire funzionalità alla scuola e venire incontro alle esigenze delle famiglie.

Le istituzioni scolastiche autonome, d’intesa con gli enti locali, possono anticipare la data di inizio delle lezioni non oltre il 10 settembre. Nei casi in cui l’istituzione scolastica autonoma intenda anticipare ad una data compresa fra l’10 e il 14 settembre l’inizio delle lezioni, dovrà assumere la decisione in tempo utile per comunicarla alle famiglie entro la fine di questo anno scolastico, ovvero entro sabato 13 giugno. 

VACANZE. Il calendario fissa anche le altre date importanti del prossimo anno scolastico. Le vacanze di Natale si svolgeranno nei giorni dal 23 dicembre al 5 gennaio 2 009 compresi. Le vacanze di Pasqua (che cade il 4 aprile 2010), saranno invece dal 1° al 6 aprile 2010. Confermate le feste di 8 dicembre, 25 aprile, 1° maggio, 2 giugno e la festa del Patrono, nei casi in cui cada all’interno dell’anno scolastico (il 1° novembre cade di domenica).

Se le date sono fissate – spiega la Regione – le incertezze che gravano sul prossimo anno scolastico restano ancora tutte. Rispetto allo scorso anno, ricorda l’assessore all’istruzione formazione e lavoro, lo scenario è profondamente diverso a causa dei provvedimenti del governo e, in particolare, dei pesanti tagli con cui la scuola dovrà fare i conti. “Da settembre e per il prossimo triennio – continua una nota della Regione Toscana – si riparte infatti con 8 miliardi di euro e 132 mila lavoratori in meno. Un ritorno indietro contestato perchè lede, di fatto, il diritto all’istruzione di tanti ragazzi e ragazze e tarpa le ali alla scuola pubblica in un momento in cui sarebbe invece necessario valorizzarne al massimo competenze e potenzialità. Anche in Toscana, dove è previsto un aumento di circa 4.400 studenti e un taglio di oltre 1.400 insegnanti, questi provvedimenti, attuati senza confrontarsi con Regione ed istituzioni, porterà sicuramente sconvolgimenti nei percorsi formativi e nell’organizzazione delle famiglie, a cominciare dal tempo pieno che, con questi numeri, subirà sconvolgimenti sul nell’organizzazione con abbattimento della qualità dell’offerta formativa”.

 

Ultime notizie

Mascherina, dove c’è obbligo all’aperto: dalla Lombardia alla Sicilia

In quali regioni le mascherine sono obbligatorie, 24 ore su 24, anche all'aria aperta: le regole

Bonus tv, come richiederlo: modulo pdf per televisione e decoder DVB-T2

Addio al vecchio televisore o al vecchio decoder: in arrivo un nuovo standard di trasmissione del digitale terrestre. Per le famiglie a basso reddito c'è però un voucher per compare nuovi apparecchi

“Cambiare l’acqua ai fiori” di Valerie Perrin. La recensione

Se nei primi capitoli vi sembrerà di saggiare l’acqua con i piedi sul bagnasciuga, scoprirete, man mano che andate avanti, di trovarvi sempre più a largo, nel mare aperto dell’esistenza di Violette

La Fiorentina si fa rimontare e perde a San Siro

Ribery meraviglioso. Disastro Vlahovic