sabato, 26 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Seconde case: dal 18 maggio...

Seconde case: dal 18 maggio si può andare anche fuori regione?

Allentamento dei vincoli sugli spostamenti anche verso le abitazioni di villeggiatura (di proprietà), ma non è così ovunque

-

Un via libera per metà. È arrivato il nuovo decreto sulla “fase 2 bis” e dal 18 maggio si può andare verso le seconde case, dopo mesi di blocco per l’emergenza coronavirus. Il dpcm consente infatti gli spostamenti all’interno della regione in cui ci si trova, compresi quelli verso le abitazioni per la villeggiatura (di proprietà al mare), in montagna e in campagna. Restano però alcune limitazioni.

Vediamo nel dettaglio le regole, tenendo però presente che ogni regione può stabilire norme più restrittive.

18 maggio: si può andare nelle seconde case, ma non fuori regione

Non più solo per manutenzione o lavori. Da lunedì 18 maggio, secondo l’ultimo decreto del governo Conte, è possibile raggiungere le seconde case anche per soggiornarvi insieme alla famiglia: non sono però consentiti gli spostamenti tra regioni e quindi in questa fase 2 bis non si può andare in una seconda casa fuori dalla regione in cui ci si trova.

La mobilità interregionale resterà bloccata almeno fino al prossimo 3 giugno, quando sarà possibile muoversi in tutta Italia, sempre che i contagi da coronavirus restino sotto controllo.

Seconde case in Toscana: no agli spostamenti da fuori regione, anche per rientro al proprio domicilio

Ci sono regioni che hanno emanato ordinanze con regole precise per le seconde case: in Toscana ok agli spostamenti interni verso queste abitazioni, mentre viene ribadito che il rientro al proprio domicilio, garantito dal decreto nazionale, non vale per le seconde case per le vacanze se si proviene da fuori regione.

Per varcare i confini regionali, bisogna infatti essere diretti alla propria abitazione principale e quindi, dice l’ordinanza, avere “sul territorio regionale il proprio medico di medicina generale o il pediatra di famiglia”.

Il caso limite del Piemonte

A differenza di quanto stabilito dal decreto del 17 maggio, in Piemonte invece non è ancora possibile andare nelle seconde case, eccetto che per svolgere attività di manutenzione e riparazione o per motivi indifferibili, con rientro nell’abitazione abituale entro fine giornata. Lo ha stabilito un’ordinanza regionale.

Ultime notizie

Cosa fare a Firenze nel weekend: gli eventi del 26 e 27 settembre

Bancarelle, vintage, fiere, spettacoli e musei a 1 euro: il meglio del programma per l'ultimo fine settimana di settembre

Giornate europee del patrimonio 2020: musei a 1 euro a Firenze e in Toscana

Visite guidate gratis, eventi e aperture serali dei musei a un prezzo simbolico: cosa vedere in Toscana per le Gep 2020

Spid, cos’è e come richiedere il “codice” per i bonus di Inps e governo

Un solo nome utente e una sola password per accedere a tutti i siti: da quelli statali alle Regioni fino ai servizi comunali. Ecco la procedura per richiedere le credenziali uniche

Pin Inps addio: dal 1° ottobre serve lo Spid per richiedere i servizi online

Un piccola rivoluzione per l'accesso al portale dell'Istituto di previdenza: non si potrà più richiedere il Pin