venerdì, 4 Dicembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Fase 2, posso fare la...

Fase 2, posso fare la spesa in un supermercato fuori dal mio Comune?

Il carrello della spesa e le nuove regole. Cosa cambia con la fase 2, le risposte ai dubbi più comuni: dall’autocertificazione agli spostamenti fuori Comune fino ai consigli per una spesa sicura

-

Dal 4 maggio ci sono novità. Con la fase 2 cambiano anche le regole per gli spostamenti per andare a fare la spesa in un supermercato o in un negozio alimentare fuori dal Comune di residenza. Il decreto del presidente del Consiglio dello scorso 26 aprile, ha introdotto delle modifiche alle rigide norme del lockdown, ma rimangono alcune disposizioni per ridurre il rischio della diffusione del coronavirus, dalla mascherina fino all’autocertificazione.

Continueremo a fare la fila con il carrello della spesa, quindi, ma ci sono novità non di poco conto: vediamo allora cosa si può e cosa non si può fare, con le nostre FAQ.

Posso fare la spesa in un supermercato fuori dal mio Comune? Cosa cambia con la fase 2

Fino al 4 maggio non era possibile andare in un supermercato di un altro Comune, eccetto che per quelle zone di confine in cui il negozio alimentare a pochi passi era effettivamente fuori dal territorio comunale. Ebbene adesso si allentano le maglie: con la fase 2 è possibile recarsi non solo nei punti vendita più vicini a casa, come successo finora, ma è consentito andare nei supermarket che si trovano anche in altri Comuni vicini.

Non è possibile invece uscire dalla propria regione se non per motivi di lavoro, salute e per raggiungere la propria residenza se si è rimasti bloccati per il lockdown lontano da casa. In Toscana un’ordinanza regionale consente di fare acquisti anche fuori dal Comune dove si vive, ma rimanendo dentro la propria provincia.

Autocertificazione, anche per fare la spesa

Resta l’obbligo, in caso di controlli, di compilare l’autocertificazione quando si va a fare la spesa al supermercato, anche fuori dal proprio Comune: con la fase 2 è stato pubblicato un nuovo modulo (qui in pdf e word) aggiornato in base alle ultime disposizioni. Per velocizzare le verifiche è possibile portare con sé il modello stampato e compilato, ma in ogni caso le forze dell’ordine forniscono l’autocertificazione a chi ne è sprovvisto.

Supermercati aperti o chiusi di domenica? Dipende

Niente cambia per quanto riguarda le aperture festive: i supermercati e i negozi alimentari (come gli altri esercizi commerciali che riapriranno dal 18 maggio) possono restare aperti anche di domenica. Sta alle singole catene decidere gli orari e i giorni di apertura. È bene informarsi però sulle ordinanze delle singole Regioni che, in specifici momenti come ad esempio durante i ponti, possono imporre la chiusura dei supermercati o norme più restrittive per la situazione legata ai contagi da coronavirus.

Coronavirus: mascherina al supermercato e le FAQ del Ministero della Salute

Si può quindi andare a fare la spesa in un supermercato fuori dal Comune di residenza, ma rimangono le regole per limitare la diffusione del coronavirus. Nei punti vendita, come in tutti i luoghi chiusi, la mascherina è obbligatoria (eccetto che i bimbi sotto i 6 anni), va poi mantenuta la distanza di sicurezza dalle altre persone di almeno un metro (1,8 metri in Toscana) e gli accessi restano contingentati. Per questo alcune catene stanno testando app salta fila, per prenotare l’ingresso al supermercato.

Il Ministero della Salute ha diffuso inoltre un utile vademecum con i consigli e le regole per fare la spesa in sicurezza:

  • Uscire solo se necessario, anche nella fase 2
    verificare se è possibile fare la spesa online o se è prevista la consegna a domicilio degli acquisti, in modo da limitare gli spostamenti
  • Fare la spesa solo una volta a settimana e solo una persona per famiglia
    Si può accompagnare la moglie fino al supermercato, ma è fortemente raccomandato aspettare fuori, in modo tale che solo un componente del nucleo familiare faccia gli acquisti. Si consiglia poi di fare la spesa una volta a settimana
  • Preparare una lista della spesa
    Può sembrare un consiglio banale, ma non lo è. Serve a velocizzare gli acquisti e a ridurre i tempi di attesa di tutti
  • Mascherina obbligatoria + distanza di sicurezza
    va indossata anche al supermercato, ma va anche rispettata la distanza di sicurezza dagli altri clienti e anche dagli addetti alla vendita
  • Guanti
    fortemente consigliato l’uso di guanti usa e getta dentro i supermercati, in particolare quando si maneggiano alimenti e bevande
  • Pulirsi bene le mani
    Disinfettarsi le mani con i gel igienizzanti messi a disposizione dai supermercati, anche prima e dopo l’uso dei guanti

Sul sito del governo si trovano poi le risposte ai dubbi più comuni (qui le faq sul sito di Palazzo Chigi) sugli spostamenti concessi per la fase 2,  oltre al caso specifico della spesa fuori dal Comune dove si risiede o si ha il domicilio.

Ultime notizie

Palestre, quando la riapertura: dicembre è troppo presto, il Dpcm

Il nuovo Dpcm del 3 dicembre proroga lo stop e ci si interroga su quando riapriranno le palestre: ma della riapertura se ne riparlerà nel 2021

La Toscana cambia colore: cosa si può fare in zona arancione, le regole

La Regione Toscana muta colore, ma cosa cambia qual è la differenza tra zona arancione e zona rossa? Ecco tutte le novità e le regole da rispettare

Dpcm 3 dicembre in Gazzetta Ufficiale: testo integrale (pdf) del decreto

Dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale entra in vigore il nuovo decreto della Presidenza del Consiglio: dove scaricare e leggere il testo completo del Dpcm del 3 novembre con le regole per Natale, Capodanno e l'Epifania

Cosa cambia e cosa succede con il nuovo Dpcm dal 4 dicembre 2020

Spostamenti tra regioni, coprifuoco, negozi, apertura dei ristoranti, palestre e feste in casa a Capodanno: cosa cambia dopo il 4 dicembre con l'uscita del nuovo Dpcm e con il decreto legge Natale