venerdì, 18 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Strage dei senegalesi, un anno...

Strage dei senegalesi, un anno dopo Firenze non dimentica

Firenze dice ancora una volta no al razzismo e al fascismo con le iniziative in ricordo di Samb Modou e Diop Mor, presidi e iniziative.

-

Strage di piazza Dalmazia, un anno dopo Firenze non dimentica. E nel giorno dell’anniversario, il 13 dicembre, la città risponderà con una grande mobilitazione antirazzista, tra presidi, concerti e iniziative contro la xenofobia.

IL SIT-IN. Alle 17 si terrà un presidio in piazza Dalmazia, il luogo in cui l’estremista di destra Gianluca Casseri colpì a morte Samb Modou e Diop Mor. Il sit-in, promosso dalla Comunità senegalese e dalla società civile fiorentina, è indetto attraverso l’appello “13 Dicembre… MAI PIÙ”, promosso dall’Arci e da tante altre associazioni tra cui Anpi, Cgil e Rete Antirazzista.

L’APPELLO. L’appello sottolinea l’esigenza di “una reazione corale per tutte le energie e le risorse positive, tutte le forze culturali, sociali, politiche che hanno come baricentro la Costituzione, tutti gli anticorpi ai veleni razzisti e fascisti presenti nella società italiana”. Ferma, inoltre, la condanna di Casa Pound, l’associazione di cui Casseri era simpatizzante.

QUESTA MATTINA. Intanto, stamani, alle vittime dell’attentato è stato dedicato il Meeting per i diritti umani, che si è svolto al Mandela Forum. 8.600 i ragazzi che hanno partecipato all’incontro, il XVI organizzato dalla Regione dal 1997, di 110 tra scuole medie e superiori arrivate da tutta la Toscana. Riflessioni e idee sono diventate pillole video che hanno preceduto ogni singolo intervento sul palco oppure concetti riassunti su striscioni e cartelloni alzati da un lato all’altro del Mandela Forum. Tanta commozione, per il minuto di silenzio in memoria di Diop Mor e Samb Modou che ha aperto il Meeting, condotto dal cantautore Roberto Vecchioni e da  Paola Maugeri.

CITTADINANZA E RISARCIMENTO. Il presidente della Regione Enrico Rossi ha ricordato come sia quasi giunto al termine il procedimento per dare la cittadinanza italiana ai tre feriti nell’attentato, Sougou Mor, Mbenghe Cheike e Moustapha Dieng, quest’ultimo ancora oggi fermo in un letto d’ospedale, paralizzato per sempre. “Come Regione – aggiunge Rossi – abbiamo concesso un contributo di 20mila euro alle loro famiglie. Nulla di straordinario, abbiamo trattato questi uomini come se fossero italiani. La Toscana non doveva né poteva abbandonarli”.

L’iniziativa: ”Chi ha paura dell’uomo nero?”: un anno dopo la strage dei senegalesi 

Il concerto: Jokko, Italia e Senegal insieme in concerto per ricordare Samb e Diop

Ultime notizie

La Rondine di Puccini al Teatro del Maggio musicale fiorentino

Molte accortezze anti-Covid, ma ancora tanta voglia di fare spettacolo. Al Maggio torna un titolo riscoperto del repertorio pucciniano

Il concerto dei Bowland a Villa Bardini (in streaming)

Un'esibizione speciale che sarà trasmessa sui social. Lattexplus lancia un nuovo progetto che lega insieme musica e location esclusive

Tessera elettorale smarrita o piena: cosa fare per ritiro, cambio o rinnovo

Persa, danneggiata o rubata: la procedura da seguire per richiedere il documento essenziale al momento del voto

Cosa fare a Firenze il 19 e 20 settembre: eventi e idee per il weekend

Dimmi cosa ti piace e ti dirò dove andare: la guida all'ultimo fine settimana d'estate tra concerti, artigianato, cibo e solidarietà