giovedì, 21 Ottobre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaToscana resta arancione, fino a...

Toscana resta arancione, fino a quando? “I dati non sono da zona rossa”

Fino a quando la Toscana sarà fuori dalla zona rossa: per il governatore Giani i dati sono compatibili con l'arancione. Attesa per la decisione finale sul cambio di colore delle regioni

-

Per un pugno di casi. Dal 29 marzo la Toscana dovrebbe restare ancora in arancione, fino a quando non scatterà la zona rossa nazionale, perché i contagi Covid sembrano essere sotto controllo. È l’indicazione data dal presidente della Regione Eugenio Giani: “Toscana in zona rossa? Direi proprio di no”, ha risposto a chi gli chiedeva aggiornamenti su Radio24. Secondo gli ultimi dati sui contagi, 1.518 nella giornata del 25 marzo, la Toscana si dovrebbe salvare per un soffio da un cambio di colore anche la prossima settimana (29 marzo – 2 aprile). Intanto si allontana ulteriormente la possibilità di vedere il ritorno della Toscana in zona gialla: i dati non lo consentono e il prossimo decreto probabilmente cancellerà questa fascia per un altro mese.

Toscana resta arancione o passa in zona rossa. “Aspettiamo le decisioni del Cts”

Il governatore Giani ha chiarito che la Toscana è sotto le due soglie limite che fanno scattare la retrocessione in zona rossa: “Siamo a 248 nuovi casi Covid su 100mila abitanti e abbiamo un Rt di 1,09-1,10 – ha detto sempre a Radio 24 – quindi siamo in zona arancione”. Il passaggio in automatico all’area con le restrizioni massime si ha infatti con un indice Rt uguale o superiore a 1,25 e con un’incidenza settimanale di 250 contagi ogni 100.000 abitanti (la Toscana è a 248 casi).

Una salvezza che potrà arrivare sul filo di lana, perché si prenderanno in considerazione anche altri parametri, come l’occupazione delle terapie intensive, a quota 41%. Per dire con certezza se la Toscana resta in zona arancione dal 29 marzo bisogna dunque aspettare il verdetto finale degli esperti che analizzeranno il monitoraggio settimanale dell’Istituto Superiore di Sanità. “La decisione formale è quella di domani (26 marzo ndr) del Cts ma ci sono tutti i dati oggettivi per essere in arancione”, ha chiarito Giani. In ogni caso, anche la prossima settimana sarà inevitabile la presenza di zone rosse locali nei territori dove si superano i 250 contagi settimanali ogni 100.000 abitanti.

Toscana fino a quando in zona arancione, il calendario: fascia gialla ancora lontana

Se verrà confermato il colore attuale, la Toscana resterà in zona arancione fino a quando scatteranno le limitazioni nazionali per Pasqua: arancio nel weekend del 27-28 marzo e ancora dal 29 marzo fino a venerdì 2 aprile (compreso), dopodiché diventerà zona rossa per il sabato Santo, Pasqua e Pasquetta. Per martedì 6 aprile il colore sarà deciso dopo il monitoraggio della prossima settimana. Per i giorni a seguire probabilmente il nuovo decreto Covid metterà ancora fuori gioco la zona gialla.

La permanenza della Toscana in arancione è legata al comportamento dei cittadini e anche al fatto che Firenze ha tenuto, come ha dichiarato nelle scorse ore anche il sindaco Dario Nardella. A differenza della zona rossa, in arancione tutte le scuole possono restare aperte (salvo ordinanze locali più restrittive); parrucchieri, centri estetici, negozi di abbigliamento e altre attività commerciali non essenziali si salvano dalla chiusura. Per quanto riguarda gli spostamenti, con la Toscana ancora in zona arancione rimane il divieto di uscire dal comune, se non per motivi di lavoro, salute e necessità.

Ultime notizie