martedì, 27 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Tramvia, ''temporary shop per le...

Tramvia, ”temporary shop per le attività penalizzate dai cantieri”

Tensostrutture e trasferimenti: ecco le richieste delle piccole e medie imprese

-

Realizzazione di temporary shop o di tensostrutture nelle aree limitrofe ai cantieri per consentire il momentaneo trasferimento delle attività. Ma anche la possibilità di trasferire definitivamente le attività più penalizzate dai cantieri all’interno di locali messi a disposizione dal Comune. Sono queste alcune delle richieste avanzate da Cna, Confcommercio, Confartigianato Imprese e Confesercenti di Firenze al Comune, al sistema creditizio-bancario e a quello della Pubblica Amministrazione centrale, “per ridurre le ripercussioni negative che i lavori di cantierizzazione delle linee 2 e 3 della tramvia produrranno su un ampio numero di imprese”, viene spiegato.

LE RICHIESTE

Le associazioni di categoria, insomma, si preparano a “resistere” ai cantieri delle linee 2 e 3 della tramvia, con una serie di richieste avanzate all'unisono: chiara definizione delle aree interessate, creazione di un fondo per il credito alle imprese e di un fondo indennizzi. E ancora, abbattimento delle tasse e delle imposte comunali e l'agevolazione di “progetti eccezionali” come la realizzazione di temporary shop o di tensostrutture nelle aree limitrofe ai cantieri per consentire il momentaneo trasferimento delle attività. Tra le richieste, anche la possibilità di trasferire – anche definitivamente – le attività più penalizzate dai cantieri all’interno di locali messi a disposizione dal Comune.

IL DOCUMENTO

Le misure straordinarie sono state richieste formalmente al Comune di Firenze con un documento sottoscritto dalle quattro sigle che rappresentano la piccola e media imprenditoria, e sono state sintetizzate nel primo numero di ‘TramviaInfo’, la newsletter con notizie in tempo reale sui lavori che Cna, Confcommercio, Confartigianato e Confesercenti hanno ideato per essere sempre vicini ai propri soci interessati dai cantieri.

Ultime notizie

Cinema chiusi per Covid, film già visto: “No al Dpcm, sì a misure locali”

Le piccole sale rischiano grosso dopo l'ennesima chiusura per l'emergenza Covid. Abbiamo sentito il presidente di Spazio Alfieri, una tra i cinema d'essai più conosciuti a Firenze

Quante persone possono partecipare ai funerali: regole del dpcm Covid

Cosa prevede il decreto anti-coronavirus del 24 ottobre in caso di funerale: quanti possono essere i partecipanti e per cosa scatta il divieto

Quante persone al ristorante? Il numero massimo previsto dal nuovo Dpcm

Il nuovo Dpcm 24 ottobre dice che possono sedere allo stesso tavolo del ristorante non più di 4 persone, con una sola eccezione: cosa cambia con le nuove regole

Nuovo Dpcm ottobre 2020: il testo in Gazzetta Ufficiale (pdf)

Chiusura delle palestre, "coprifuoco" anticipato per bar e ristoranti, semi-lockdown senza blocco degli spostamenti tra regioni: cosa prevede il testo del nuovo Dpcm di ottobre pubblicato in Gazzetta Ufficiale