sabato, 26 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Università di Firenze, nel 2021...

Università di Firenze, nel 2021 lezioni in aula e in diretta online

Nell'anno accademico 2020-2021 studenti di nuovo in aula, ma le lezioni saranno anche trasmesse online in diretta. Nessun aumento delle tasse

-

Le lezioni si faranno in aula ma saranno anche trasmesse tutte online, in videoconferenza: è questa la più grande novità dell’Università di Firenze in vista dell’anno accademico 2020 – 2021, il primo con le nuove regole anti coronavirus.

Ritorno in aula

Si tornerà in aula dunque, anche se il numero di studenti che potranno assistere di persona alle lezioni potrebbe essere limitato. La capienza massima verrà determinata infatti in base alle dimensioni delle aule e alle regole di distanziamento interpersonale che saranno in vigore il prossimo autunno. Con la possibilità di introdurre un sistema a turni così che tutti gli studenti possano prender parte alle lezioni dal vivo.

Universit di Firenze, lezioni in diretta online

Nessuno, in ogni caso, resterà tagliato fuori. Tutti i corsi saranno fruibili online in diretta per tutti gli studenti frequentanti e successivamente la loro registrazione sarà resa disponibile su una piattaforma online. Una modalità che ha già avuto una prima sperimentazione negli ultimi tre mesi, da quando le lezioni in presenza sono state sospese per l’emergenza sanitaria. In questo periodo, rende noto l’ateneo, alle attività didattiche a distanza hanno partecipato circa 3.300 studenti.

“Vogliamo riportare le studentesse e gli studenti in aula – ha affermato il rettore Luigi Dei – l’Università è presenza, è scambio e dialogo. Stiamo lavorando per ripartire: abbiamo ricalcolato la capienza delle aule, nel rispetto dei protocolli di sicurezza, e stiamo pensando a turnazioni per assicurare il diritto a frequentare dal vivo. Garantiremo però online le lezioni e il materiale didattico per coloro che per tanti motivi, di salute o anche economici, potrebbero avere difficoltà a tornare in aula”.

Tasse universitarie congelate nel 2021

Nell’anno accademico 2020 – 2021 le tasse universitarie dell’Università di Firenze non aumenteranno. “Abbiamo una tassazione media tra le più basse in Italia, fortemente progressiva, a protezione dei redditi più bassi”, spiega ancora Luigi Dei. “Non è intenzione dell’ateneo, in un momento così difficile, gravare ulteriormente sulla situazione economica delle famiglie. E stiamo aspettando il decreto del Miur che dovrebbe innalzare la fascia di esenzione, la cosiddetta no tax area“.

Nel frattempo, nei mesi di giugno e luglio 2020 esami e tesi dell’Università di Firenze continueranno a svolgersi a distanza. L’ateneo ha promosso un questionario fra gli studenti per conoscere eventuali problematiche di connessione o carenze di strumenti informatici e per organizzare soluzioni alternative.

L’offerta formativa dell’Università di Firenze per l’anno accademico 2020-2021 conterà 58 corsi triennali, 9 corsi magistrali a ciclo unico, 71 corsi magistrali. Sono 29 i percorsi internazionali che rilasciano doppio titolo o titolo congiunto.

Un assaggio di come saranno i corsi del prossimo anno accademico lo si potrà avere giovedì 4 e venerdì 5 giugno, dalle 14 alle 17.30, con l’iniziativa online “Un giorno all’Università”. Un docente per ogni Scuola terrà un intervento in diretta streaming, visibile per tutti dal sito www.unifi.it , dal canale YouTube e da Facebook.

Ultime notizie

Cosa fare a Firenze nel weekend: gli eventi del 26 e 27 settembre

Bancarelle, vintage, fiere, spettacoli e musei a 1 euro: il meglio del programma per l'ultimo fine settimana di settembre

Giornate europee del patrimonio 2020: musei a 1 euro a Firenze e in Toscana

Visite guidate gratis, eventi e aperture serali dei musei a un prezzo simbolico: cosa vedere in Toscana per le Gep 2020

Spid, cos’è e come richiedere il “codice” per i bonus di Inps e governo

Un solo nome utente e una sola password per accedere a tutti i siti: da quelli statali alle Regioni fino ai servizi comunali. Ecco la procedura per richiedere le credenziali uniche

Pin Inps addio: dal 1° ottobre serve lo Spid per richiedere i servizi online

Un piccola rivoluzione per l'accesso al portale dell'Istituto di previdenza: non si potrà più richiedere il Pin