Dal 23 ottobre i Massimo Volume sono in concerto in tutta Italia: il 3 Dicembre saranno infatti al Circolo degli artisti a Roma, il 4 a Firenze alla Flog e il 6 al Bronson a Ravenna, ma saranno anche a Bologna, Milano, Verona, Roncade, Budrio e Carpi.

La band, nata nel 1991, firma il suo primo contratto per la Underground Rec nel 1993, quando pubblica l’album “Stanze”. Nel 1994 poi passa alla Wea con il secondo lavoro “Lungo i bordi”, che permette loro di essere notati da John Cale che si propone come produttore per “Da Qui”, album che segna anche un certo cambiamento nelle loro sonorità, che si fanno più scarne e evocative e poetiche, come si ritrova anche nella raccolta “Gara di Resistenza”.

Dopo tre anni i Massimo Volume tornano in scena con “Club Privé” in cui le canzoni si mescolano a brani recitati, mentre fraseggi jazz si insinuano tra le note. Alla tournèe si affianca il nuovo progetto parallelo di “Gli agnelli clementi”, uno spettacolo di reading condiviso da Emidio Mimì Clementi e Manuel Agnelli degli Afterhours.

Nel 2000 esce al cinema “Almost Blue” del regista romani Alex Infascelli con la colonna sonora interamente curata dai Massimo Volume, che così ottengono una candidatura al “Nastro d’Argento” nella categoria O.S.T. del Festival cinematografico di Taormina.

Nel 2002 i gruppo decide di sciogliersi e negli anni seguenti vediamo Vittoria Burattini con i Franklin Delano e Egle Sommacal con il disco solista “Legno”. Emidio invece nel 2004 crea il progetto El-Muniria e pubblica il cd “Stanza 218” con la Homesleep Records. Dopo sei anni i Massimo Volume sono tornati insieme e dopo la partecipazione al Traffic Festival hanno cominciato una nuova tournée.