domenica, 20 Settembre 2020
Home Sezioni Eventi ''C'è chi dice no''... ai...

”C’è chi dice no”… ai raccomandati VIDEO

Tre ex compagni di scuola si ritrovano dopo vent'anni e si rendono conto che un nemico comune li perseguita: i raccomandati. Ma per fortuna ''c'è chi dice no''.

-

C’è chi dice no. C’è sempre chi dice no. E sicuramente in tanti, tantissimi vorrebbero dire ”no” ad una delle grandi piaghe del nostro paese: la raccomandazione. La scorciatoia per raggiungere senza troppi sforzi le vette della carriera.

DA DOMANI NEI CINEMA. E proprio a questo tema alquanto “spinoso” è dedicata la trama del film “C’è chi dice no” (da domani nei cinema), diretto da Giambattista Avellino.

TRE AMICI, UN NEMICO COMUNE. Tre ex compagni di scuola (interpretati da Luca Argentero, Paola Cortellesi e Paolo Ruffini) si ritrovano dopo vent’anni e si rendono conto che un nemico comune li perseguita: i raccomandati.

RISATE AMARE. Il regista Giambattista Avellino spiega che, guardando il film, “si ride e si sorride, a volte anche amaramente; ci si emoziona e si patisce per il destino dei nostri tre eroi, perché il tema è sentito da tutti e abbiamo cercato di raccontarlo divertendo, ma con sensibilità. Senza voler fare la lezione a nessuno, ma senza superficialità”.

”C’è chi dice no” è una miccia, una provocazione, una denuncia o una commedia? Più probabilmente è ”solo” un film e quindi, potenzialmente, tutto questo messo insieme.

GUARDA IL VIDEO della presentazione del film al cinema Odeon di Firenze.

{youtube}jly-2fWuRxE{/youtube}

Ultime notizie

Elezioni regionali Toscana 2020, affluenza alta: alle ore 12 è del 14,67%

I dati sull'affluenza alle urne alle ore 12 del 20 settembre per le elezioni regionali 2020 della Toscana: aggiornamenti alle ore 19 e 23

Fiorentina-Torino, le immagini della gara

Biraghi, Castrovilli e Chiesa i migliori in campo

Referendum 2020: affluenza al 12,25% alle ore 12

I dati sull'affluenza al referendum 2020 sul taglio dei parlamentari a partire dalle ore 12 del 20 settembre. Sulle previsioni pesa l'incognita Covid