Il primo numero del periodico uscì il 20 dicembre 1908 proprio a Firenze, nella casa di Giuseppe Prezzolini in via Della Robbia, dove per otto anni ebbe sede a redazione del giornale. A un secolo di distanza non si può che riconoscere il ruolo primario che ebbe la rivista, unanimamente riconosciuta come il primo e più importante fenomeno di “modernità” culturale dell’Italia unita. Tra coloro che animarono le pagine de “La Voce” ricordiamo nomi noti come Croce, Cecchi, Amendola, Salvemini, Soffici e molti altri letterati e pensatori.

Il convegno, promosso dalla Provincia di Firenze, dal Gabinetto Vieusseux e dall’Università di Perugia, si terrà nella sala Luca Giordano di Palazzo Medici Riccardi, dove introdurranno i lavori il presidente della Provincia Matteo Renzi, l’assessore alla cultura del Comune Eugenio Giani e il presidente del Gabinetto Vieusseux Enzo Cheli.

Interverranno durante il convegno, tra gli altri, il Senatore Umberto Carpi, a lungo docente di Letteratura all’Università di Pisa, Franco Contorbia dell’Università di Genova, Isabella Nardi dell’Università di Perugia e Riccardo Faucci dell’Università di Pisa. Verrà inoltre affissa una lapide sulla casa di Prezzolini in via Della Robbia 50 in ricordo della storica redazione de “La Voce”.