In inglese, con sottotitoli in italiano, Point Blanck porta sul palcoscenico la bravura della stessa regista insieme alla giovane danzatrice e coreografa finlandese Nada Gambier, allieva di Anna Teresa De Keersmaeker.

In Point Blank Edit Kaldor introduce lo spettatore nella grande collezione di fotografie della diciannovenne Nada. Per anni Nada ha osservato le persone, scattando foto rubate, catturando i loro momenti privati.

Il fulcro della sua ricerca è tracciare varie strategie che tutti gli individui seguono per vivere la loro vita. Vuole così disegnare una mappa delle opinioni che lei ha di se stessa. Guidata dalla curiosità scopre un’umanità varia, presa tra lo scorrere del quotidiano e il balenare dell’eccesso.

La performance è quindi l’occasione per Nada di strutturare e analizzare le sue possibilità. Insieme col pubblico lei contempla le immagini, e osserva le implicazioni e le complicazioni che ne emergono.

La ragazza mira ad ottenere una visione d’insieme e giungere ad una conclusione: la visione di una vita che vale la pena vivere.

Edit Kaldor, regista ungherese di stanza ad Amsterdam, propone al pubblico del Teatro di via Donizetti la performance che ha debuttato a maggio 2007 al prestigioso festival di Bruxelles Kunstdenfestivaldesarts e con cui ha già realizzato una cospicua tournée internazionale, toccando templi dell’avanguardia europea e americana a Berlino, Rotterdam, Parigi, Anversa, Budapest, New York, Montreal.

Inizio spettacolo h:21:15. Biglietto: intero euro 13, ridotto euro 10.