lunedì, 23 Novembre 2020
Home Sezioni Eventi L'alluvione 50 anni dopo, gli...

L’alluvione 50 anni dopo, gli Angeli del Fango a Firenze

Venerdì 4 novembre le celebrazioni in ricordo di quella tragica giornata di mezzo secolo fa inizieranno alle 9 con un consiglio comunale straordinario

-

Cinquant'anni dall'alluvione: Firenze la ricorda con tre giorni ricchi di eventi, che sono stati presentati in Palazzo Vecchio. Si inizierà venerdì 4 novembre alle 9 con un consiglio comunale straordinario, a ingresso libero nel Salone dei Cinquecento, al quale saranno chiamati a partecipare anche gli Angeli del Fango.
 

Messa a Santa Croce

Alle 11.30 sarà celebrata la Santa Messa nella chiesa di Santa Croce dal Cardinale Betori, che fu lui stesso un Angelo del Fango, dopo la quale un corteo raggiungerà Ponte alle Grazie per la deposizione della corona in memoria delle vittime dell'alluvione. Nel corso della giornata del 4 novembre sarà inoltre presentato il francobollo ufficiale realizzato in onore degli Angeli del Fango.

gli Angeli del Fango

Oltre 500, fino ad adesso, gli Angeli che hanno già confermato la propria presenza e che si riuniranno a Firenze. In segno di gratitudine nei confronti degli Angeli del Fango, la città ha predisposto l'ingresso gratuito per i musei comunali, l'esenzione dal pagamento dei biglietti di tutti i mezzi di trasporto Ataf e della tassa di soggiorno presso tutti gli alberghi della città. Il presidente della Repubblica Mattarella sarà presente in città per partecipare ad alcuni eventi importanti, come l'inaugurazione dell'opera “L'ultima cena” del Vasari, restaurata grazie al lavoro dell'Opificio delle Pietre Dure.

le proiezioni

Importanti proiezioni segneranno i giorni dedicati all'alluvione: nel pomeriggio della giornata del 4 novembre sarà la volta della pellicola  “241 Chilometri di mare”, realizzata dalla compagnia Casa del Cinema della Toscana di Tobia Pescia, trasmessa alle 15.30. “Dopo l'alluvione”, prodotto da Sky Arte Hd sarà proiettato alle 18.30. La sera dello stesso giorno, e ogni sera per due settimane consecutive, un'installazione videomapping racconterà cosa successe in uno dei luoghi simbolo di Firenze: Ponte Vecchio.

la fiaccolata

“Abbiamo organizzato giornate colme di eventi perché rappresenta il momento del passaggio delle consegne dalla generazione del 1966 a quelle del 2016”, ha affermato il Sindaco Dario Nardella. La giornata del 4 novembre si concluderà con una fiaccolata alle 20.30 dalla Basilica di San Miniato al Monte a piazza Santa Croce.

i giorni successivi

La giornata del 5 novembre verrà poi presentato il Piano “Arno Sicuro”. Opere, investimenti, cantieri. Organizzato da #italiasicura Presidenza del Consiglio dei Ministri e Regione Toscana. E ancora, il 6 novembre sarà dedicato al volontariato oggi e alla protezione civile. 

Per l'occasione è stata realizzata anche una piattaforma on line: toscana.firenze2016.it, che ha lo scopo di riunire quanti vogliano condividere le memorie del 4 novembre 1966 non solo una volta all'anno, ma sempre.

Ultime notizie

Cosa succederà dopo il 3 dicembre con il nuovo Dpcm di Natale

Governo al lavoro sul nuovo decreto anti-Covid: spostamenti tra regioni, coprifuoco, impianti sciistici, apertura dei ristoranti la sera e feste in casa. Le ipotesi sul tavolo

Covid Toscana 23 novembre: i dati di oggi sui contagi da coronavirus

Giù i nuovi contagi di coronavirus, ma scendono anche i tamponi. Risalgono i ricoverati e ci sono 48 morti: i dati toscani del bollettino Covid (23 novembre)

Cashback, bonus per il regalo di Natale 2020: come funziona l’app IO

In arrivo a dicembre un rimborso da 150 euro per chi fa shopping nei negozi fisici e paga con le carte elettroniche o con il cellulare: ecco come richiederlo

Parte male la Fiorentina di Prandelli

Debutto con sconfitta contro il Benevento al Franchi