Nel tratto da Altopascio a Galleno verrà percorso l’itinerario parallelo alla trafficata via Romana: quello – individuato dal Comitato Civico Pro Via Francigena – che passa per la località Rifoglieto e, sfiorando Villa Campanile, si riporta sulla provinciale, attraverso la strada della Fonte di Perdo.

La giornata del 19 aprile sarà, dunque, l’occasione per inaugurare questa variante verde e sicura che sta molto a cuore all’associazione gallenese e a tanti pellegrini. Ma non solo. Giunti a Galleno, la camminata offrirà anche un significativo momento di ricordo della figura di Leopoldo (Poldino) Pellegrini. A poco più di un anno dalla sua scomparsa, le amministrazioni comunali di Altopascio, Castelfranco di sotto e Fucecchio, in accordo con il Comitato e “I pellegrini della Francigena”, hanno deciso di intitolare alla sua memoria lo storico tratto da Chimenti alla via della Chiesa. All’ingresso nel selciato, breve cerimonia, alla presenza dei familiari di Poldino e dei tre sindaci coinvolti, con la messa in posa di una pietra che legherà al nome di Leopoldo Pellegrini la parte più suggestiva del percorso francigeno nel territorio di Galleno. Un omaggio a chi amò e s’impegnò fino all’ultimo nella valorizzazione di questa strada antica.

Dopo un breve ristoro allestito nella piazza della Chiesa dalla Pro Loco di Galleno, la comitiva ripartirà alla volta di Ponte a Cappiano, dove, nel primo pomeriggio, sarà organizzato un rientro in pullman ad Altopascio. Anche in questo tratto verrà valorizzato il percorso interno, individuato dagli storici locali e dal Ministero dei Beni culturali, che sta per provvedere ad apporre cartelli indicatori a vantaggio dei pellegrini, che sono sempre più numerosi. Cartelli indicatori, di un percorso interno, sono previsti anche tra Ponte a Cappiano e San Pierino, fino sul confine con San Miniato.