Per il momento si allena a parte, ma ora sta bene. Il difensore viola Alessandro Gamberini parla dal ritiro di Marbella, dove la Fiorentina sta preparando (lontano dal gelo di Firenze) la seconda parte della stagione.

Sto bene fisicamente, anche se ho piccolo problemino al ginocchio dovuto ai carichi di lavoro – dice Gamberini – con lo staff sto facendo del lavoro a parte, abbiamo deciso di evitare il campo per il momento. Qui a Marbella stiamo lavorando tanto come è giusto che sia. Il fatto di giocare ogni tre giorni ci ha impedito di allenarci con i tempi dovuti e così questo ritiro diventa fondamentale per arrivare alla fine del campionato al cento per cento”.

“I risultati che abbiamo ottenuto fino ad adesso sono dovuti a un lavoro corale di squadra e di sacrifio in tutti reparti – continua – il nostro reparto difensivo non si sente sottovalutato, magari i nostri meriti passano in secondo piano, ma è giusto così. Singolarmente tutti ci siamo migliorati e i nuovi si sono inseriti bene. Tra noi c’è grande affiatamento. Frey? Tra i pali è un sicurezza, con lui sai che dietro te c’è uno dei portieri più forti d’ Europa. Vargas? Abbiamo capito da subito le grandi qualità che ha Juan. E’ in crescita costante, sarà un elemento fondamentale per questo girone di ritorno”.

Poi il discorso è scivolato dal viola all’azzurro. “La Nazionale? Vediamo, davanti a me c’è un campione, un leader, Cannavaro – non si nasconde Gamberini – difficilmente la nazionale potrà fare a meno di lui. Io farò di tutto per rimanere nel gruppo e giocare le mie carte nel momento del bisogno, anche se non mi piace pensare al futuro, sono uno che pensa al presente e al bene della squadra”.

Infine, bilanci (parziali) e propositi della stagione viola. “Il nostro obbiettivo è il quarto posto e andare avanti in Uefa – chiude il difensore della Fiorentina – in noi c’è la voglia di riprovare le grandi sfide Champions. Per noi è stata un’esperienza nuova, purtroppo non abbiamo superato il girone, ma siamo cresciuti tanto confrontandoci sul campo con grandi team”.