Ecco alcune sue dichiarazioni: “I portieri? potevamo dare Avramov e Storari in prestito, Prandelli ha preferito tenerli tutti e due anche in vista della Coppa Uefa. Abbiamo preferito non rischiare niente. Ivanovic? Lo abbiamo seguito e continueremo a farlo. E’ giovane e rispecchia le caratteristiche generali del difensore. Al momento non abbiamo nessun accordo”.

“In questi anni abbiamo dimostrato di avere una difesa tra la più forte d’Europa – continua Corvino – quindi se in futuro arriverà un difensore centrale troverà difficoltà. Ivanovic non vale Vidic? Vidic è un campione. Soddisfatto del mercato? Ultracontento. Abbiamo raggiunto il nostro obiettivo, ovvero di aere una rosa di 23 giocatori. Semioli? Abbiamo pensato che Semioli, così come Pasqual, possono essere utili alla nostra causa. Abbiamo rinunciato a cifre importantissime per lui”.

“Il rinnovo di Kuzmanovic e Jorgensen? – continua il ds viola – Stiamo valutando la situazione dei due giocatori, ora abbiamo pensato al mercato, in futuro valuteremo le loro situazioni. Qualche ragazzo del settore giovanile in prima squadra? Abbiamo bruciato le tappe con il nostro settore giovanile. Dobbiamo cominciare ad esplorare questo mondo per cercare di tirar fuori un Totti, un Aquilani a Firenze. Palombo obiettivo viola? Lo cercheremo solo se la Sampdoria lo mette sul mercato. Come ho già ribadito è un giocatore che ci interessa. Fiorentina tra le prime quattro? Non possiamo paragonarci a Juve, Inter, Milan e Roma. Il nostro tetto ingaggi è di 37 milioni di euro; le altre dagli 80 ai 120 milioni. Pazzini cessone sofferta? Pazzini, come Osvaldo e Papa Waigo ci ha regalato tante soddisfazioni, tanti ricordi. Ci hanno dato il massimo”.