mercoledì, 25 Maggio 2022
HomeSezioniFiorentinaDebacle viola contro la Lazio

Debacle viola contro la Lazio

Secco tre a zero nel giorno del debutto di Cabral. Espulso Torreira, ammonito Bonaventura, che era diffidato

-

La Lazio batte tre a zero la Fiorentina nella sfida diretta tra le squadre che sono a caccia di un posto in Europa. Adesso al squadra di Maurizio Sarri è sesta, a pari merito con la Roma. Milinkovic-Savic, Immobile ed un’autorete di Biraghi mandano KO la Fiorentina che, per la prima volta senza Vlahovic, presentava al centro dell’attacco il neo acquisto Arthur Cabral con Callejon e Sottil. A centrocampo Torreira, sottotono, con Bonaventura. In difesa Venuti e Biraghi in qualità di terzini, con Milenkovic e Nastasic centrali a difendere la porta di Terracciano. Maurizio Sarri ritrova Pedro insieme a Immobile e Zaccagni. A centrocampo confermati Luis Alberto e Milnkovic-Savic con Lucas Leiva mentre in difesa giocano Luiz Felipe e Patric al centro, Lazzari e Marusic come laterali. In porta gioca Strakosha.

Primo Tempo

Dopo un periodo di studio è la Fiorentina, al 19’, a farsi vedere sottorete con uno scambio veloce tra Sottil, Biraghi e Cabral che di testa impegna Strakosha. Al 26’ Nastasic serve Bonaventura, il tiro è debole e si perde sul fondo. Dopo un minuto ci prova Torreira ma la sfera vola alta sopra la traversa. Al 34’ Luis Alberto, in contropiede serve Immobile. Respinge Terracciano e poi Torreira riesce a mettere in calcio d’angolo. La Lazio spinge ed al 36’ c’è il tiro di Pedro. Respinge Terracciano su Zaccagni che tira alto. Dopo un minuto Milinkovic Savic viene anticipato da Milenkovic ed evita la rete. Si va all’intervallo in parità.

Secondo Tempo

Al rientro dagli spogliatoi, la Lazio si dimostra superiore ai viola e al 51’ sblocca il risultato. Azione in velocità con Zaccagni che serve Milinkovic Savic che, di piatto, trafigge Terracciano con Milenkovic e Biraghi che si sono fatti sorprendere. Al 64’ Luis Felipe ferma Castrovilli in area. Prima l’arbitro Orsato concede il calcio di rigore poi, richiamato dal Var, torna sui suoi passi. Al 70’ raddoppio di Immobile, in contropiede, su rinvio di Strakosha che serve il capitano laziale che salta Nastasic e segna il 2-0. Giocata in fotocopia dieci minuti dopo con Immobile che salta Terracciano e Biraghi non arriva a recuperare sulla linea e provoca l’autorete che chiude la gara. Nel finale espulso Torreira e Bonaventura, che era diffidato, è stato ammonito. Centrocampo da inventare per la prossima gara contro lo Spezia lunedì 14 febbraio anche se prima, giovedì alle 18, c’è la Coppa Italia con la trasferta a Bergamo, contro l’Atalanta.

L’allenatore

Deluso, a fine gara, Vincenzo Italiano. “Credo che questa non sia una partita da 0-3, soprattutto per quello che si è visto nel primo tempo e a inizio del secondo. Poi una volta passati in svantaggio, abbiamo commesso errori ingenui, ma ci può stare. La Lazio ha avuto 15 giorni di preparazione, per noi è andata diversamente ma sono una squadra forte, pazienza. In occasione del primo gol, col rinvio del portiere, si è innescato uno sviluppo che ha portato al gol. In quei casi dobbiamo fare nostra la palla e ripartire, ma non è una partita dal risultato così pesante. Dobbiamo dare tempo ai nuovi di inserirsi e cercare di migliorarsi: quanto ci vorrà? Sono tutti giocatori che arrivano da altri campionati, non abituati. Si va in ritiro per prepararsi – ha detto Italiano – e avere tempo per mettere dentro meccanismi e concetti. Noi abbiamo tre ragazzi che arrivano da fuori e ci vuole tempo e pazienza, non troppa perché i punti vanno fatti e bisogna integrarsi velocemente”.

Ultime notizie