venerdì, 14 Maggio 2021
HomeSezioniFiorentinaFiorentina inesistente, la Lazio la...

Fiorentina inesistente, la Lazio la punisce 2-0

Lazio-Fiorentina

-

La lazio conquista tre punti importanti che la riportano al secondo posto in classifica in attesa degli incontri di domenica, la Fiorentina, come contro il Lecce la scorsa domenica palesa molti problemi e poca incisività in fase di realizzazione. Primo tempo abulico che si chiudeva con un sonnacchioso 0-0. La ripresa si apriva con la Fiorentina decisa a sbloccare il risultato. Il vigore agonistico dura poco meno di un quarto d’ora. L’ingresso di D’Agostino offre nuova spinta alla manovra dei toscani, ma un regista che porta acqua per una squadra immobile sia nella tattica che nella corsa diventa in questo modo inutile. Storia diversa per la Lazio, con Reja che si vedeva costretto, in soli 40 minuti, a dover effettuare due cambi a causa degli infortuni di Diakitè e di Floccari. Al loro posto entravano Stendardo e Sculli: il primo giocava anche meglio del difensore francese, il secondo invece andava crescendo con lo scorrere dei minuti. La svolta tattica avveniva quando Reja, intorno al quindicesimo della ripresa, ordinava ai suoi di alzare il baricentro per non soffrire più la pressione viola. 

Da una ripartenza di Radu nasceva l’azione del rigore laziale: affondo del terzino romeno che saltava tre giocatori viola in velocità, palla in diagonale per Kozak che subisce il contrasto con Kroldrup. Penalty senza appello che il ceco trasformava impeccabilmente spiazzando Boruc. Neanche quattro minuti e giungeva il raddoppio. Manovra lenta e compassata quella dei viola, tanto che Mauri si inseriva nel fraseggio dei toscani rubando palla, lanciando Brocchi che a sua volta verticalizzava sulla fascia per Sculli. L’ex ala del Genoa andava sul fondo e crossava a uscire verso Kozak che poteva schiacciare a rete con Boruc ormai fuori causa. Fiorentina subito in ritiro per preaparare la partita di mercoledì sera contro il Genoa. Match delicato ed importante con il probabile ritorno in maglia viola di Mutu.

Sinisa Mihajlovic commenta: “Dobbiamo pensare positivo malgrado ora ci sia ovviamente sconforto. Bisogna migliorare in trasferta e trovare continuità nel gioco. Non è vero che quando andiamo sotto ci perdiamo, abbiamo recuperato partite contro Brescia, Bologna e Lecce. Non manca esperienza, ci sono tanti giocatori di personalità come Kroldrup, Gamberini, Montolivo e Gilardino. Ljajic? E’ un po’ altalenante, ha solo 19 anni, ma ha spesso occasione di far gol, ora poteva essere a 8-9 marcature, oggi poi non era la sua giornata, abbiamo giocato con un uomo in meno. Io in discussione? Mi sento sempre sotto osservazione – conclude il tecnico – ma non mi preoccupo, sono sereno e cerco di dare il massimo. I giocatori non sono in confusione, in allenamento fanno quello che devono fare, poi in partita si perdono un po’, ma è anche merito dell’avversario”.

Ultime notizie