mercoledì, 30 Settembre 2020
Home Sezioni Fiorentina Mutu, due settimane di stop

Mutu, due settimane di stop

Sono stati effettuati stamani gli accertamenti diagnostici all'adduttore dell'attaccante rumeno, che aveva accusato un nuovo problema al termine della gara di Champions contro il Bayern Monaco. La punta ha già iniziato la fisioterapia per tornare in campo.

-

Uno stop di due settimane a causa di una “lesione muscolare distrattiva di primo grado al muscolo grande adduttore“: questo il responso degli accertamenti diagnostici effettuati stamani su Adrian Mutu, che al termine della partita di Champions League pareggiata in casa con il Bayern Monaco aveva accusato un problema al muscolo grande adduttore.

Gli accertamenti, come spiega la società viola in un comunicato, sono stati effettuati stamani, ehanno evidenziato una lesione muscolare distrattiva di primo grado al muscolo grande adduttore”. Sono comunque già iniziate, prosegue la Fiorentina, “le cure fisioterapiche per permettere a Mutu di tornare all’attività agonistica entro le due settimane“.

Dunque Mutu, già fermo quest’anno per altri guai fisici, sarà costretto a saltare altre partite di campionato, a partire da quella in programma domenica al Franchi contro l’Atalanta.

Ultime notizie

Collaboratori sportivi, arriva il bonus da 600 euro per giugno 2020

Pubblicato, dopo più di un mese di ritardo, il decreto attuativo: come funziona l'indennità e come fare domanda alla società Sport e Salute

Trekking: la rinascita della “Via degli Dei”, da Firenze a Bologna

Da Bologna a Firenze a piedi, attraversando l’Appennino: è la Via degli Dei, un percorso dalla storia millenaria. Firmato un protocollo per promuovere il turismo slow

Il rischio di sospensione del campionato di Serie A per i positivi Covid

Dopo i 14 giocatori del Genoa risultati positivi al coronavirus ci si interroga su come mettere in sicurezza il mondo del pallone

Mascherina, dove c’è obbligo all’aperto: dalla Lombardia alla Sicilia

In quali regioni le mascherine sono obbligatorie, 24 ore su 24, anche all'aria aperta: le regole